Nella Campania della politica ingorda di incarichi e prebende e stipendi, c’è una poltrona di lusso che resta vuota da quasi due anni e che nessuno vuole occupare. E’ la poltrona di “Rappresentante dell’opposizione” nel Consiglio regionale campano. Una figura istituzionale creata con una modifica del regolamento interno del 2005, grazie a un patto di non belligeranza tra l’allora governatore Ds Antonio Bassolino e il candidato sconfitto in quota An Italo Bocchino, che la occupò per poco tempo prima di rimangiarsi l’impegno di guidare la minoranza a Napoli per tornare a Roma a conservare lo scranno di deputato e fare il delfino di Fini.

A che serva questa figura non è chiaro, ma esiste. E avrebbe benefit interessanti: spaziosi e confortevoli uffici al quarto piano del Palazzo del Centro direzionale di Napoli, addetto stampa pagato, staff di cinque dipendenti e una indennità supplementare di carica di circa 1500 euro che si aggiungerebbero allo “stipendiuccio” netto di 10.000 euro del consigliere regionale semplice. In più, il diritto a partecipare alle sedute dei capigruppo e le luci della ribalta mediatica per chi dovrebbe incarnare la guida dell’opposizione nei confronti del presidente Pdl Stefano Caldoro, assumendone sia gli onori che gli oneri.

Ma a dispetto dell’appetibilità dell’incarico, il capo dell’opposizione, in Campania, non c’è. Il ruolo all’inizio è riservato al candidato presidente sconfitto. Ed infatti per qualche mese lo ha ricoperto Vincenzo De Luca. Che però aveva un problema: doveva optare tra i mandati incompatibili di consigliere regionale e sindaco di Salerno, e alla fine ha preferito restare nella sua città. Era il 12 luglio 2010. Da allora non è stata applicata la facoltà di eleggerne uno nuovo: nessuno è subentrato, nessuno è stato eletto, nessuno si è proposto, nessuno ha sollecitato sul serio l’avvicendamento. Il Pd si è a lungo macerato sul da farsi: far nominare l’ex sindaco di Villaricca Raffaele Topo, l’ex parlamentare socialista Umberto del Basso de Caro o concedere la scelta alle forze minori del centrosinistra? Come l’asino di Buridano che trovandosi in mezzo a un mucchio di fieno e a un otre pieno di acqua non sapendo da dove cominciare morì di fame e di sete, così il centrosinistra ha lasciato estinguere la questione della nomina del leader. Ufficialmente, per spirito di sobrietà. Ma a crederci sono davvero in pochi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Lusi, Gad Lerner “schifato” attacca Rutelli: “Chi gestisce i soldi della Margherita?”

next
Articolo Successivo

Margherita, dieci anni di bilanci “segreti”
nella gestione di Lusi e Rutelli

next