L’Egitto torna alle urne, per la quarta volta in due mesi. Viene eletta la prima tranche dei componenti del Consiglio della Shura, camera alta del Parlamento, senza potere legislativo. A febbraio con altre due tornate elettorali saranno scelti altri senatori e un’ultima verrà nominata dalla Giunta Militare. Ma le piazze occupate dai manifestanti. L’economia è stagnante, la popolazione è stanca e dopo un anno di manifestazioni l’unico passo avanti è stata l’elezione del Parlamento. I movimenti islamici, che si sono assicurati i 2/3 dei seggi alla camera bassa, sembrano voltare le spalle a quel che resta della rivoluzione. Il malumore della popolazione è diretto verso i generali alla guida dello Stato, che nonostante i pessimi risultati economici e i gravi scontri dei mesi scorsi, non hanno ancora lasciato il potere ai civili. di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Europa, l’Italia e l’ombelico

prev
Articolo Successivo

Il compagno Han, un provocatore moderato

next