L’Egitto torna alle urne, per la quarta volta in due mesi. Viene eletta la prima tranche dei componenti del Consiglio della Shura, camera alta del Parlamento, senza potere legislativo. A febbraio con altre due tornate elettorali saranno scelti altri senatori e un’ultima verrà nominata dalla Giunta Militare. Ma le piazze occupate dai manifestanti. L’economia è stagnante, la popolazione è stanca e dopo un anno di manifestazioni l’unico passo avanti è stata l’elezione del Parlamento. I movimenti islamici, che si sono assicurati i 2/3 dei seggi alla camera bassa, sembrano voltare le spalle a quel che resta della rivoluzione. Il malumore della popolazione è diretto verso i generali alla guida dello Stato, che nonostante i pessimi risultati economici e i gravi scontri dei mesi scorsi, non hanno ancora lasciato il potere ai civili. di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Europa, l’Italia e l’ombelico

next
Articolo Successivo

Il compagno Han, un provocatore moderato

next