Inizia oggi il processo per tentata corruzione e turbativa d’asta che vede imputati Giorgio Giordano, ex presidente dell’Amiat, municipalizzata del Comune di Torino per lo smaltimento rifiuti e tre dirigenti della Vm Press. Circa quattro anni fa, questa azienda e Giordano avevano tentato di far acquistare all’Amiat un macchinario del valore di 4,2 milioni di euro che però era inutile. Raphael Rossi, allora consigliere della municipalizzata, aveva posto il veto sull’acquisto, ma i 4 imputati offrirono a Rossi una tangente di 100mila euro per sbloccare l’acquisto. Rossi e Amiat si sono costituiti parte civile nel processo, ma il Comune di Torino non ha ritenuto necessario fare altrettanto. di Cosimo Caridi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ex Wagon Lits, 32 giorni sulla torre “Napolitano ci risponda”

next
Articolo Successivo

Cosentino, le fasi del voto alla Camera

next