Un giovedì mattina d’inizio 2012, che a Roma c’è il sole e si esce senza cappotto, uno legge sulla stampa, anche tedesca, i resoconti della visita a Berlino del presidente del Consiglio Mario Monti, segue l’intervento alla Camera dello stesso premier e si sente (quasi) bene in questo Paese: Italia, Europa… Non che tutto fili liscio, chiaro: ci sono da fare i sacrifici e non si capisce bene dove andrà a uscire il tunnel in cui siamo entrati; e il Professore dice alla Welt che non abbiamo bisogno degli Stati Uniti d’Europa e fa l’elogio della sussidiarietà, che è una delle parole, se non dei concetti, più poveri di forza d’evocazione che siano mai state inventate. Però, quando sta lì accanto alla Merkel, lui, il Professore, e lei, la preside della scuola europea che stiamo frequentando, non è chiaro chi abbia più autorità: lei ha – magari – il potere, ma lui ha il sapere.

Insomma, sei lì che stai pensando quanto è cambiata questa Italia in poche settimane, quando il cellulare t’annuncia una notizia. Dice che Piazza Affari ha aperto “positiva”, mentre le borse del resto d’Europa “sono fiacche”; e che, udite udite, gioite gioite, lo spread è sceso sotto i 500 punti. Visto?, ve lo dicevo io: anche i mercati se ne sono (finalmente) accorti: Italia, Europa, altro che Grecia e default.

Passano poco più di due ore. Alle 12.45, il cellulare annuncia un’altra notizia: “Referendum elettorali –recita il messaggio Ansa -, la Consulta boccia i due quesiti contro il Porcellum. Resta attuale legge elettorale, parola alle Camere”: Ma come?, se avevo persino firmato, andando al banchetto, come un milione abbondante di altri italiani?

Mastico amaro. Il cellulare annuncia un’altra notizia: spero sia Tevez al Milan, così litiga con Ibra e la banda (calcistica) di Mr B va a ramengo. Invece no: “Camera –scrive l’Ansa, alle 14.23-: no ad arresto ex sottosegretario Cosentino. 309 i contrari, 298 i favorevoli, nessun astenuto, voto segreto”.

Ci resto davvero male. Ma come?, se la Lega in commissione l’aveva ‘mollato’?, se è uno che i magistrati non hanno dubbi sulle sue collusioni? Il referendum, Cosentino: tutto avviene nel rispetto delle regole, l’equilibrio della Consulta non è in discussione; il diritto della Camera a decidere neppure… Ma qualcosa non quadra, se le regole garantiscono una stortura e un’iniquità… E capisco che è ancora ‘Italia, Italia’, altro che ‘Italia, Europa’: Monti, i sacrifici sopportati con britannico autocontrollo, lo spread, tutto vero e tutto persino bene; ma poi ti resta il Porcellum e una politica che tutela se stessa e non i cittadini. E, allora, resti dove sei: una volta si diceva a metà del guado, sperando di esserci arrivati; e lì la corrente è più forte e può ancora portarti via.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La rabbia per il no all’arresto di Cosentino investe i Radicali

next
Articolo Successivo

Bolzano: “In Italia prospettive pessime
Compriamoci la piena autonomia”

next