Sono arrivate, questa mattina, due buste sospette contenenti polvere bianca alla sede della Borsa, in Piazza Affari, e in una sede di Equitalia, in via San Gregorio, entrambe a Milano. Alle buste non sono seguite rivendicazioni ed indiscrezioni sembrerebbero rivelare che la polvere potrebbe essere zucchero. In attesa della conferma, che dovrebbe arrivare in 12 ore, entrambe le sedi sono state transennate e sono state messe in sicurezza da vigili del fuoco, forze dell’ordine e nucleo chimico nucleare.

Sono in tutto 11 le persone che sono venute a contatto con le buste e che sono state portate all’ospedale Sacco per gli accertamenti sanitari, obbligatori in casi come questo. Da Piazza Affari, dove la busta è arrivata intorno alle 8.30, saranno 8 le persone che verranno visitate dagli infettivologi, mentre 3 arriveranno dalla sede di Equitalia, dove la lettera sospetta è stata consegnata verso le 11.

Ieri sera, alle 20.00, anche il presidente del consiglio Mario Monti aveva ricevuto una busta contenete della polvere bianca, poi identificata in zucchero. Carlo Lucchina, direttore generale della Regione Lombardia, conferma le indescrizioni: “La polvere bianca contenuta nelle due buste non è assolutamente antrace, ma qualcosa di simile allo zucchero”. Attesi ulteriori accertamenti. La procura di Milano, nel frattempo, è in attesa dell’informativa in relazione alle buste sospette, compresa quella indirizzata al Presidente del consiglio, e potrebbe aprire un fascicolo per minacce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Latina, un referendum per chiamarla Littoria
Pennacchi: “Una puttanata nostalgica”

prev
Articolo Successivo

Crolla un altro muro a Pompei
E’ un pilastro della Casa di Loreio Tiburtino

next