Si definisco “abusivi per necessità”. Sono i protagonisti della cosiddetta “edilizia spontanea”: 70mila persone che a Bacoli (Na) hanno deciso di procurarsi un tetto sulla testa con il tacito assenso delle istituzioni. Dopo 20 anni, la Procura del capoluogo partenopeo ha rotto il silenzio e inviato le ruspe per l’abbattimento di due di queste abitazioni. Ma una volta arrivate, hanno dovuto affrontare l contestazione di una folla di tremila cittadini e soprattutto le dimissioni, per protesta, del sindaco. Un atto di solidarietà? Non solo, Bacoli infatti, è una città devastata dal cemento selvaggio. E molti di loro temono, un giorno, di vedere tornare le ruspe per la loro abitazione perché “piuttosto che prendere in fitto un appartamento abusivo – spiegano – è tanto meglio costruirsene uno…spontaneamente”.  di Katiuscia Laneri e Vincenzo Iurillo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiaccolata a Giaglione. I No Tav tornano in piazza

prev
Articolo Successivo

Treni, Pendolaria il rapporto di Legambiente sui disagi per i passeggeri

next