Nei primi 9 mesi del 2011 si registrano 553mila casi di infortuni sul lavoro denunciati, in calo (del -4,5%) rispetto allo stesso periodo del 2010. Meno accentuata la flessione degli infortuni mortali, che passano da 697 a 691, in calo dello 0,9%. Sono gli ultimi dati riferiti dall’Inail, sulla base dei quali l’Istituto considera “ipotizzabile un bilancio consuntivo di 750mila infortuni sul lavoro (contro i 775mila del 2010) e un numero di morti ancora inferiore alle mille unità” nell’intero 2011. Nel 2010 i casi mortali sono stati 980. Oggi l’ultima vittima è il giovane operaio di Trieste che ha perso la vita sotto l’impalcatura che si stava allestendo per il concerto di Jovanotti.

A livello territoriale, il calo degli infortuni nei primi nove mesi dell’anno è generalizzato, ma meno rilevante al Nord (-3,8%) che al Centro (-4,9) e al Sud (-6,4%), dove peraltro il numero di occupati è cresciuto del 1,2%, contro lo 0,3% del Nord ed il -0,3% del Centro. Il Mezzogiorno – segnala l’Inail – vede una consistente flessione dei casi mortali (-13,9%), che invece aumentano al Nord (+6,6%) e al Centro (+4,3%). La riduzione degli infortuni riguarda tutti i rami di attività economica ma è stata più pronunciata nell’industria (-6,7%) che nell’agricoltura (-4,9%) e nei servizi (-3,1%). Il dato appare più significativo – evidenzia ancora l’Istituto – se si considera che le rilevazioni Istat attestano, nel periodo di riferimento, una crescita occupazionale complessiva compresa tra lo 0,1% e lo 0,4%. Nel settore costruzioni, in cui gli occupati risultano diminuiti dell’1,2%, gli infortuni fanno segnare un -9,8%. I casi mortali si contraggono nei servizi (-3,6%), crescono in agricoltura (+4,7%) e rimangono stabili nell’industria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camusso, “manovra aggrava situazione”
Migliaia in piazza per lo sciopero dei sindacati

next
Articolo Successivo

Fiat, siglato accordo per nuovo contratto
Da gennaio fuori i rappresentanti Fiom

next