A Ferrara è vietato tirare le palle di neve. I pericolosi batuffoli potrebbero “risultare di pregiudizio alle persone ed alle proprietà altrui”. Non è uno scherzo. Lo dice la proposta di nuovo regolamento di polizia urbana che verrà discussa a giorni in consiglio comunale. Il relativo precetto è contenuto nell’art. 7, comma 2. Leggere per credere: http://www.leonardofiorentini.it/consiglio/wp-content/uploads/Regolamento-polizia-urbana.pdf.

La prossima normativa che disciplinerà usi e costumi pubblici dei ferraresi (dall’esposizione di oggetti sui balconi, alla manutenzione delle canne fumarie, dallo sgombero della neve al divieto di innaffiare i sottoportici ed i marciapiedi in misura eccessiva) non si ferma qui. Guai anche a chi si distende nei parchi pubblici (ex art. 31, comma 1, punto b). Ai trasgressori verranno comminate sanzioni pecuniarie.

Il primo a saltare sulla sedia, dopo aver letto il nuovo vademecum amministrativo, è stato il consigliere dei Verdi in Circoscrizione 1, Leonardo Fiorentini, che mai si sarebbe “immaginato di aver rischiato una sanzione ogni qual volta si è steso al parco urbano”. Per il consigliere già alcune norme presenti nel regolamento in vigore, e probabilmente ereditate dai precedenti, sono da ritenersi “superate, a volte antistoriche o addirittura insensate”.

“Si potrà dire che l’articolo non è mai stato applicato – ammette l’esponente ferrarese dei Verdi -, che il buon senso dei nostri vigili non porterà mai a multare i bambini che si tirano le palle di neve all’uscita da scuola, ma tanto è, il regolamento è chiaro: a Ferrara è vietato fare a palle di neve”.

Lo stesso vale per chi si distende sull’erba. “Previsione fuori dalla storia” allarga le braccia Fiorentini, che non nasconde la “sorpresa di ritrovare vietato un comportamento che fa ormai parte dell’uso quotidiano dei nostri giardini (si pensi solo al parco urbano da aprile in poi, quando centinaia di cittadini si distendono sui prati per prendere il sole), comportamento in astratto punito con una sanzione pecuniaria dal nostro regolamento”.

Nell’intento di lanciare un appello al buon senso Fiorentini, dopo aver presentato una serie di emendamenti, ha scritto al sindaco Pd Tiziano Tagliani, invitandolo a “rivedere con attenzione il regolamento prossimamente al vaglio del consesso cittadino”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Non sono una rockstar, ma un social rocker”. Esce domani l’autobiografia di Vasco Rossi

prev
Articolo Successivo

Registro biotestamenti: soluzione deludente

next