Pasqualino Di Leva

Esce dal carcere anche l’ultimo indagato dell’inchiesta sulle presunte tangenti a Sesto San Giovanni, che coinvolge il dirigente del Pd Filippo Penati. Si tratta dell’ex assessore comunale Pasqualino Di Leva, accusato di corruzione. Il gip Anna Magelli ha accolto l’istanza del suo difensore Giuseppe Vella. Di Leva era stato arrestato lo scorso 25 agosto su richiesta dei pm Walter Mapelli e Franca Macchia.

Con lui era finito in carcere l’architetto Marco Magni, indicato dagli inquirenti come un uomo cerniera tra costruttori e pubbica amministrazione sestese. Magni era stato rimesso in libertà dallo stesso gip Magelli il 17 novembre. Entrambi si trovavano da tempo agli arresti domiciliari. La Procura aveva chiesto l’arresto anche per Penati, ma il gip lo aveva respinto.

Per i due e per altre cinque persone la procura ha chiuso un filone delle indagini in vista della richiesta di rinvio a giudizio. E’ quello relativo a presunte tangenti pagate per ottenere l’aumento della volumetria edificabile sull’ex area industriale Falck e i permessi per costruire alcuni edifici sul terreno dove un tempo sorgeva la Marelli. Oltre a Magni e Di Leva, l’avviso di chiusura indagini è stato recapitato all’immobiliarista Luigi Zunino e agli imprenditori sestesi Piero Di Caterina e Giuseppe Pasini, i due grandi accusatori di Penati, ex sindaco di Sesto ed ex presidente della Provincia di Milano.

L’inchiesta della Procura di Monza prosegue su altri fronti, relativi a presunte mazzette che sarebbero state versate a Penati e al suo ex braccio destro Giordano Vimercati, all’affaire dell’acquisto delle azioni Serravalle da parte della Provincia e al ruolo delle Coop nelle operazioni immobiliari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Una giornata per l’eroe borghese

prev
Articolo Successivo

Falsa testimonianza sul G8 di Genova
Per De Gennaro arriva la sentenza definitiva

next