Lancia un appello la Procura di Bologna in seguito all’apertura del fascicolo per lesioni gravi volontarie che vede come parte offesa Martina, la giovane studentessa di lettere, colpita in pieno volto dal manganello di un poliziotto durante gli scontri del 12 ottobre scorso davanti alla sede della Banca d’Italia di Bologna. La richiesta proveniente dal palazzo a vetri di piazza Trento Trieste è esplicita, e rivolta a colui che ha colpito la ragazza: si faccia avanti e fornisca la sua versione dei fatti.

Per qualcuno, probabilmente, il fascicolo aperto d’ufficio dal pm Morena Plazzi è frutto di eccesso di zelo, altri al contrario auspicavano questa scelta da parte degli inquirenti. Invece per il sostituto procuratore Valter Giovannini, portavoce della Procura, quest’ultima “sta verificando con assoluta terzietà tutti i fatti avvenuti di fronte alla Banca d’Italia il 12 ottobre”.

E poi rivolgendosi al poliziotto che ha colpito con un manganello la giovane, dichiara che “colui che ha operato non può non essersi riconosciuto nelle foto pubblicate nei giornali o comunque non può non ricordare l’episodio”.

Quella mattina, infatti, davanti alla sede bolognese della Banca d’Italia, in piazza Cavour, un gruppo di indignados con scudi di cartone e gommapiuma tentò di assaltare la sede della Banca e consegnare una lettera simbolica all’ex governatore Mario Draghi. Ci furono alcuni momenti di tensione fra polizia e giovani indignati. Scontri che portarono al ferimento di Martina, colpita alla bocca da un manganello.

Una lesione permanente che comporta un indebolimento della masticazione. Motivo questo che ha portato la Procura ad aprire un fascicolo d’ufficio, come prevede la legge nei casi di lesioni gravi permanenti, senza dunque attendere la querela già preannunciata dalla ragazza. Fascicolo per ora aperto contro ignoti.

Il sostituto procuratore Giovannini lancia così il suo appello all’autore di quel gesto: “si faccia avanti e fornisca alla Procura, se lo ritiene, la sua versione dei fatti”. Mentre la Digos di Bologna continua a visionare le immagini e i video per tentare di identificare il poliziotto autore di quel gesto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rimini, al regista visionario Terry Gilliam il premio Federico Fellini 2011

next
Articolo Successivo

Halloween, la festa della Coldiretti non piace alla Curia: “Una resa al relativismo”

next