Il governatore uscente della Banca d’Italia Mario Draghi dice d’essere solidale con gli “indignati”, i giovani italiani che protestano per una crisi economica che colpisce anzitutto le loro vite e il loro futuro. Due giorni fa Luca Cordero marchese di Montezemolo aveva detto altrettanto: fanno bene questi ragazzi a protestare… Si tratta, com’è noto, di due omonimi del Draghi futuro presidente della Bce e del Montezemolo ex presidente di Confindustria. Se questi ragazzi sono con la merda fino al collo lo devono anche alle politiche padronali e alle letterine della Bce che reclama conti in ordine, tagli all’occupazione e più precarietà per tutti. A sentirsi offrire la solidarietà di Draghi e Montezemolo, quei ragazzi dovrebbero sentirsi cornuti e mazziati. Ma per fortuna è solo un caso di spiacevole omonimia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

AUDIO – Guerriglia in piazza San Giovanni

next
Articolo Successivo

Photogallery – Roma, gli scontri
Dalla festa alle violenze

next