Il governatore uscente della Banca d’Italia Mario Draghi dice d’essere solidale con gli “indignati”, i giovani italiani che protestano per una crisi economica che colpisce anzitutto le loro vite e il loro futuro. Due giorni fa Luca Cordero marchese di Montezemolo aveva detto altrettanto: fanno bene questi ragazzi a protestare… Si tratta, com’è noto, di due omonimi del Draghi futuro presidente della Bce e del Montezemolo ex presidente di Confindustria. Se questi ragazzi sono con la merda fino al collo lo devono anche alle politiche padronali e alle letterine della Bce che reclama conti in ordine, tagli all’occupazione e più precarietà per tutti. A sentirsi offrire la solidarietà di Draghi e Montezemolo, quei ragazzi dovrebbero sentirsi cornuti e mazziati. Ma per fortuna è solo un caso di spiacevole omonimia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

AUDIO – Guerriglia in piazza San Giovanni

next
Articolo Successivo

Photogallery – Roma, gli scontri
Dalla festa alle violenze

next