L’altro pomeriggio mi hanno fatto entrare nella stanza del sonno dell’asilo nido dei miei figli per prenderli e riportarli a casa. C’erano venti bambini duenni che dormivano ognuno nel suo piccolo letto, ognuno in posizione diversa. Sono stato immerso in un’atmosfera di calma avvolgente che emanava dalle piccole figure che respiravano sommesse.

Sono rimasto incantato per mezzo minuto a osservarli e tutto quello che avevo in testa è scomparso, svanendo in un punto lontanissimo e senza importanza: è rimasto solo il piacere assoluto e infantile di trovarmi  in un luogo perfetto di pace senza scampo, di felicità tenue e completa. Ho preso in braccio i miei figli e li ho ringraziati in silenzio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Intellettuali, dove siete?

next
Articolo Successivo

Padre Paolo, padre davvero

next