Nel mese di agosto le case automobilistiche europee hanno venduto di più. Tranne la Fiat: i dati dell’azienda di Torino continuano ad avere il segno meno davanti. Lo rivela Acea, l’associazione che riunisce i costruttori di auto in Europa, che ha paragonato la situazione corrente di questa estate con quella del mese di agosto del 2010. Il risultato? Il comparto auto a livello europeo è cresciuto, facendo registrare un aumento del 7,8 per cento nelle immatricolazioni, ma il Lingotto è l’unica azienda in controtendenza: le immatricolazioni sono diminuite del 7,6 per cento. Vuol dire 45.585 vetture vendute in meno. Al contrario, Volkswagen, leader europeo del settore, nel mese di agosto ha guadagnato il14,6 per cento.

E nemmeno si può dire che la differenza dipenda da una maggiore tenuta di Fiat nel periodo di flessione precedente : a luglio, infatti, mentre il mercato europeo dell’auto perdeva l’1,9% rispetto allo stesso mese del 2010, Fiat calava del 9,9 per cento.

Dalla casa di Torino, però, si difendono: “Va messo in evidenza che il gruppo sta attraversando una fase di profondo rinnovamento della gamma dei propri marchi”. Modelli nuovi, come Lancia Ypsilon, Fiat Freemont, le Lancia Thema e Voyager e la nuova Fiat Panda, che sono esposti in questi giorni al salone dell’auto di Francoforte. Dal Lingotto poi si difendono, sottolineando che “”Panda e 500 sono le vetture più vendute del segmento A in Europa: insieme hanno quasi il 30 per cento di quota nell’anno”. Nel segmento B, invece, “La Punto rimane stabilmente nella top ten e in luglio ha incrementato le vendite in Germania del 71,8 per cento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aspettando il grande crac

prev
Articolo Successivo

Basta un po’ di zucchero e la crisi va giù…

next