Nel 1980 avevo 5 anni.
Sapevo poco di quella tragedia quando mi sono trasferito a Bologna tre anni fa e ho creduto fosse mio dovere cominciare a comprendere, provare a conoscere.

Ho scoperto il sito dell’associazione dei famigliari delle vittime (www.stragi.it) e poi ho stampato e letto la decisione della seconda corte d’appello d’assise che ha condannato alcuni esecutori della strage e depistatori. Leggere questa sentenza (che è divenuta definitiva e irrevocabile dopo la conferma in Cassazione) mi ha lasciato tre forti sensazioni.

La prima è sgomento per la follia di questi giovani che credevano di cambiare il corso della storia italiana uccidendo vite innocenti e facendosi manipolare da idee vuote e menti ciniche.

La seconda è sollievo e conforto di vedere una pagina rigorosa e alta per la giustizia: ogni dettaglio é approfondito, ogni argomento vagliato, ogni ipotesi sondata; la motivazione é il luogo che distingue la forza cieca del potere dall’applicazione della legge e della ragione.

La terza sensazione riguarda il capitolo del depistaggi. Ci sono molte risposte insolute nella strage ma pochi sanno che Licio Gelli e alcuni uomini del Sismi legati alla P2 sono stati condannati in maniera definitiva per aver depistato le indagini (la bomba sul treno Taranto – Milano). E’ un dato processuale che dovrebbe far riflettere molto la politica e la storia, ma così non mi pare sia avvenuto se é vero che oggi troviamo ex-iscritti alla loggia di Gelli in alte cariche istituzionali e nell’organo parlamentare che deve vigilare sull’operato dei servizi.

Spesso in Italia ci si duole dei misteri irrisolti; io mi preoccuperei anche del fatto che non sembra che abbiamo saputo trarre insegnamenti nemmeno da quelli che hanno trovato soluzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, la giunta fa dietrofront: il parco torna “Falcone e Borsellino”

next
Articolo Successivo

Rimini, seicento persone al lavoro per il meeting di Comunione e liberazione

next