No, neanche questa volta ho votato il rifinanziamento delle missioni italiane all’estero. Non ho votato perchè ormai è diventato un appuntamento rituale, scontato, una sorta di voto telecomandato con tanto di “pilota automatico”; le ragioni originarie delle missioni sono ormai scomparse nelle nebbie.

Il generale Fabio Mini, non certo sospettabile di essere un militante dei centri sociali, ha segnalato il fallimento quasi totale della missione in Afghanistan e l’assenza di una qualsiasi strategia di uscita da quel pantano.

Non ho votato perchè trovo non più tollerabile che tutti quei parlamentari che invocano l’obiezione di coscienza quando si tratta di affrontare i temi relativi al fine vita, alle coppie di fatto, alla sessualità, non trovino  mai il tempo e la voglia di manifestare un minimo sussulto etico quando si debbono affrontare questioni altrettanto “eticamente sensibili”. Eppure alcuni di loro hanno sempre in tasca una citazione del Papa, dei vescovi, dei preti, evidentemente non hanno archiviato quelle relative alla pace, alla guerra, alla immigrazione, alla solidarietà con gli ultimi della terra.

Non ho votato perchè questo provvedimento è diventato  una sorta di “Milleproroghe”, un bidone nel quale si butta dentro di tutto, missioni militari, condoni, convenzioni con la rai, provvedimenti per la Guardia di Finanza…

Non ho votato, infine, perchè la legge recita “Provvedimenti per la cooperazione alla sviluppo e a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione, nonchè delle missioni internazionali delle forze armate e di polizia..”: ebbene lo stanziamento previsto prevede la destinazione del 97% delle risorse a favore delle  missioni militari e solo un 3%  a favore delle attività di pace e di cooperazione.

Almeno cambiassero il titolo!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Australia usa il web contro gli sbarchi
Su youtube i video dei barconi

next
Articolo Successivo

Ridatemi le navi negriere

next