Tre giorni per “fare memoria del sacrificio di Paolo, di Agostino, di Claudio, di Emanuela, di Vincenzo e di Eddie Walter, uccisi per mano della mafia e di schegge deviate di quello Stato che con la mafia aveva scelto di venire a patti piuttosto che combatterla”. Così, il sito “19luglio1992 lancia la tre giorni  – 17, 18 e il 19 luglio 2011 – di manifestazioni, incontri e dibattiti per commemorare il diciannovesimo anniversario della strage di via D’Amelio in cui persero la vita il giudice antimafia Paolo Borsellino e la sua scorta (Aderisci all’evento su Facebook). Solo due mesi prima, il 23 maggio 1992, sull’autostrada A29 che da Capaci porta a Palermo, era stato ucciso il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e la scorta (Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro).

Ora, come tutti gli anni, tutti gli appartenenti al Movimento delle Agende Rosse e tutti quelli che “vogliono fare memoria del sacrificio” sono chiamati a Palermo per partecipare a quella che gli organizzatori  – Agende Rosse, Rita Borsellino, AntimafiaDuemila e il Comitato Cittadinanza per la Magistratura – chiamano “la nostra lotta”. Perché quest’anno, oltreché “ricordare e lottare per i giudici morti”, è necessario “stringersi attorno a quei magistrati che a Palermo, a Caltanissetta e a Firenze, stanno cercando di togliere quel pesante velo nero che fino a oggi, grazie a depistaggi, archiviazioni forzate, leggi studiate per scoraggiare i collaboratori di giustizia, hanno impedito di arrivare ai mandanti occulte di quelle stragi”.

Il fratello di Paolo Borsellino, Salvatore, animatore del sito “19luglio1992” denuncia “l’atmosfera attuale, troppo simile a quella degli anni che precedettero le stragi di Capaci e di via D’Amelio”. Perché troppe sono “le manovre di delegittimazione e le aggressioni di ogni tipo verso magistrati come Antonio Ingroia e Nino di Matteo“, manovre pericolose come “la riforma della giustizia che è in realtà un vero e proprio sovvertimento di quel principio fondamentale della Costituzione che sancisce l’indipendenza della magistratura”.

Quest’anno il presidio in Via D’Amelio durerà l’intera giornata del 19 accanto all’ulivo di Paolo Borsellino e dei suoi ragazzi. Gli organizzatori chiedono che non ci siano “corone di Stato per una strage di Stato”: “Vorremmo che al centro di questa giornata – scrive ancora il fratello Salvatore nella presentazione dell’evento – ci fossero i familiari dei ragazzi morti insieme a Paolo. Gli stessi che lo hanno difeso fino all’ultimo con il loro stesso corpo e che, come il giudice, sono stati fatti a pezzi”.

Ecco il programma completo

Domenica 17 luglio
16.30 – Via D’Amelio: Marcia simbolica delle Agende Rosse al Castello Utveggio (solo per Resistenti Doc)
21.00 – Casa Professa: “Legami di memoria” evento organizzato dall’ARCI Sicilia nell’atrio della biblioteca comunale a Casa Professa.

Lunedì 18 luglio
9.00 – P.zza Ve. E. Orlando: Presidio di solidarietà ai Magistrati
18.00 – via M. D’Amelio: partenza del corteo attraverso le vie principali della città fino alla Facoltà di Giurisprudenza (via Maqueda n° 172)
20.30 – Facoltà di Giursprudenza: Incontro alla Facoltà di Giurisprudenza organizzato da Antimafia Duemila (Guarda la locandina)
22.00: Via M. D’Amelio – Veglia laica e momenti di riflessione a cura di Agesci
24.00: Via M. D’Amelio – Santa Messa

Martedì 19 luglio
8.00: Via Mariano D’Amelio: Presidio delle Agende Rosse – Iniziative della società civile
9.00: Aula Magna del Palazzo di Giustizia: Commemorazione Paolo Borsellino (a cura della sezione Anm di Palermo)
9.30: Via Mariano D’Amelio: Animazione e Percorsi di Legalità per bambini (a cura del circolo Arci Blow up e di Agesci)
14.30: Lettura brani da parte di giovani
16.00: Lettere dei familiari degli Agenti di Polizia della Scorta
16.58: Minuto di silenzio – Marilena Monti recita “Giudice Paolo”
17.15: ‘Lettere a Paolo’ con Antonino Di Matteo, Leonardo Guarnotta, Antonio Ingroia e Vittorio Teresi
21.00: ‘Quel fresco Profumo di Libertà’ (Laboratorio Novamusica) con Alberto Collodel (clarinetto basso), Ilich Fenzi (tromba), Giovanni Mancuso (sintetizzatore) e Peter Gallo (batteria).
Proiezione del documentario ‘Palermo, via D’Amelio’ con regia di Emanuele Varone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campania, giornalista minacciata
Ospitava in tv gli avversari di Gambino

next
Articolo Successivo

Ruby Rubacuori cambia
di nuovo avvocato. E fanno quattro

next