Trecento lavoratori della Tnt di Piacenza, una delle aziende leader nel mondo per la logistica e trasporti, si sono fermati davanti ai cancelli del polo di smistamento nord-sud rifiutandosi di entrare perché non più disposti “a essere trattati come bestie“.

I turnisti, per la maggior parte egiziani, tunisini e marocchini, si sono quindi radunati all’entrata dell’enorme polo di smistamento della Tnt con bandiere italiane ed egiziane per protestare contro le cooperative che si occupano dell’assunzione dei dipendenti della Tnt.

Alma e Stella, questi i nomi delle due cooperative, sono in sostanza dei contenitori che ciclicamente cambiano nome e struttura per il reclutamento dei turnisti. Ma perché 500 dipendenti tengono in scacco il più grande polo di smistamento del nord Italia?

“La ragione è semplice – sostiene Aldo Milani del sindacato intercategoriale Cobas – qui ci sono contratti nazionali firmati da Cgil, Cisl e Uil che non valgono. Queste persone, per la maggior parte, sono assunte a tempo indeterminato, ma la sera devono presentarsi qui alle 18.30 per lavorare e non tutti vengono fatti entrare”. Una specie di capolarato mascherato “con il ricatto che se qualcuno dice qualcosa, minacciano di stracciare il contratto e renderli illegali per la giustizia italiana e quindi a rischio espatrio”.

Ogni sera quindi, circa il 40% di questi lavoratori rimane in strada senza percepire lo stipendio nonostante la forza di un contratto a tempo indeterminato e chi entra è costretto a fare turni fino a 16 ore continuative.

Da qui, la rabbia dei turnisti che hanno occupato i cancelli della Tnt impedendo l’entrata e l’uscita dei tir, che sono incolonnati per chilometri lungo il perimetro del polo logistico piacentino e le operazioni di in e out completamente bloccate: Poste italiane, parte dei trasporti esteri e i collegamenti tra i poli nord-sud sono quindi congelate fino alla fine della protesta che potrebbe anche terminare lunedì, visto che proprio quel giorno e’ stato gia’ calendarizzato un incontro tra l’azienda e i Cobas per chiedere l’applicazione del contratto nazionale.

Alla protesta davanti ai cancelli della Tnt si sono aggiunti anche molti turnisti di altre aziende di logistica e trasporti, come Gls e AF di Lodi perché le condizioni di lavoro all’interno della Tnt non sembrano essere un solo episodio isolato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elio e le storie tese suonano a Piacenza: “Una canzone sulla norma salva Fininvest”

next
Articolo Successivo

Bologna: la grande truffa dei falsi pass invalidi. Non solo calciatori nell’inchiesta

next