Siamo pronti e maturi, il voto a Napoli e Milano, Udine e Cagliari, ma anche a Mantova, Novara e Pavia ha dimostrato che il vento è cambiato e che adesso, a vele spiegate, dobbiamo riportare l’Italia nell’alveo delle democrazie occidentali.

Avremo tempo e modo per capire quali passi intrapprendere per questo cambiamento verso la libertà e la rigenerazione del nostro Paese.

Oggi lasciamo spazio alla gioia, di quella gioia che è più bella perché attende da troppi anni.

Sappiamo bene che il compimento dell’opera ci sarà solo con il voto ai referendum del 12 e 13 giugno e dobbiamo prepararci.

Ma concediamoci un momento di festa, la festa del cambiamento, della riconquista della democrazia, della voglia di dare una calcio nel culo agli sconfittisti di professione. Sappiamo che la sagra berlusconiana è finita. Ora torniamo alla democrazia.

Per questo abbiamo deciso di ritrovarci domani in una festa della vittorià per il voto delle amministrative a piazza del Popolo a Roma. Chiamiamo a raccolta tutte le persone e le associazioni che in questi mesi hanno ribadito il loro “no” al governo Berlusconi. Questo è il vento del cambiamento che aspettavamo da tanto tempo e vogliamo festeggiarlo insieme agli altri cittadini.

L’evento su Facebook

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E ora i referendum

next
Articolo Successivo

Baglioni non fa rima con Falcone

next