Nell’arco degli ultimi dodici mesi tra i termini più cercati dagli utenti italiani su Google News ci sono i nomi dei protagonisti dei casi di cronaca nera. Secondo le statistiche di Google basate sulle ricerche di milioni di utenti al primo posto troviamo il termine “Yara” seguito da grande fratello e al terzo ancora “Yara Gambirasio“. Poi “scazzi” seguito da “roma” (la città o più probailmente la squadra di calcio) al sesto posto di nuovo “sarah scazzi“. Chiudono la top ten “sposini”, “inter”, “lamberto sposini” e infine “calcio”.

Gli omicidi di Sarah e Yara hanno avuto ampia visibilità prima che sul web in televisione ed è facile ipotizzare che l’esposizione televisiva e mediatica in generale abbia trainato le ricerche sul web.
Per esempio è di poche ore fa la notizia dell’arresto di Cosima Serrano, la zia della povera Sarah Scazzi, che secondo gli ultimi sviluppi avrebbe avuto un ruolo importante nell’omicidio della nipote. Se interroghiamo Google Statistiche rispetto alle ricerche degli ultimi 7 giorni, che è il minimo interavallo di tempo utile, restringendo l’interrogazione sempre a Google News vediamo che “Cosima Serrano” è il termine al vertice della classifica delle ricerche emergenti con il valore Breakout che significa che il termine ha avuto un incremento di ricerche superiore al 5mila per cento rispetto ai 7 giorni precedenti. Nella stessa classifica troviamo al quarto posto “sarah scazzi” che segna un più 850 per cento rispetto al periodo precedente.

L’interesse degli utenti italiani prima per la cronaca nera e poi per lo sport, in particolare il calcio, risulta evidente anche effettuando ricerche con altre parole chiave relative a quei temi. Il fatto che questi stessi temi siano popolari è cosa nota ma queste statistiche sulle ricerche online sembrano confermarlo. Quello che è un po’ più difficile stabilire è quanto l’interesse sia “naturale” e quanto invece sia stimolato dalla grande copertura riservata a quegli stessi temi su tutti i media, web compreso. E voi cosa ne pensate?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, ripresi gli sbarchi dopo 10 giorni
In 800 solo stamattina, altri 300 in arrivo

next
Articolo Successivo

Perugia, morto di caldo il bimbo
di 11 mesi lasciato in auto

next