Qui negli Usa sono da poco passate le 22 quando tutte le televisioni e i siti online annunciano che il presidente, a sorpresa, rivolgerà un messaggio alla nazione su un argomento non precisato.

Alle 22.30 la nazione sa che si tratta di una notizia relativa alla cattura o all’uccisione di Osama Bin Laden.

Alle 22.45 arriva la notizia della morte di Osama Bin Laden.

Bisogna attendere oltre le 23 per avere la conferma ufficiale nell’intervento del presidente, mentre Twitter e Facebook non hanno smesso un attimo di raccontare un momento storico.

Oggi si faranno analisi e ragionamenti. Ieri notte, intanto, pur sapendo, come ha ricordato il presidente, che questo avvenimento non segna affatto la fine del terrorismo, andando a dormire, abbiamo saputo di aver assistito a uno di quei momenti che entreranno di diritto nei libri di storia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Immigrati, la Commissione Ue
valuta ripristino controlli alle frontiere

prev
Articolo Successivo

Bin Laden, Berlusconi: “Da 10 anni il mondo attendeva”. Maroni: “Rafforzare i controlli”

next