Qui negli Usa sono da poco passate le 22 quando tutte le televisioni e i siti online annunciano che il presidente, a sorpresa, rivolgerà un messaggio alla nazione su un argomento non precisato.

Alle 22.30 la nazione sa che si tratta di una notizia relativa alla cattura o all’uccisione di Osama Bin Laden.

Alle 22.45 arriva la notizia della morte di Osama Bin Laden.

Bisogna attendere oltre le 23 per avere la conferma ufficiale nell’intervento del presidente, mentre Twitter e Facebook non hanno smesso un attimo di raccontare un momento storico.

Oggi si faranno analisi e ragionamenti. Ieri notte, intanto, pur sapendo, come ha ricordato il presidente, che questo avvenimento non segna affatto la fine del terrorismo, andando a dormire, abbiamo saputo di aver assistito a uno di quei momenti che entreranno di diritto nei libri di storia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrati, la Commissione Ue
valuta ripristino controlli alle frontiere

next
Articolo Successivo

Bin Laden, Berlusconi: “Da 10 anni il mondo attendeva”. Maroni: “Rafforzare i controlli”

next