La farsa è breve. Venerdì scorso una signora grassotta viene ospitata a Forum. Dice di essere una terremotata aquilana, ma soddisfatta perché il governo ha fatto miracoli: tutto a posto, casette per tutti, giardinetti per tutti, sembra un angolo di Sidney, o uno scorcio della immacolata Bretagna. Balla gigante, la signora (300 euro per il disturbo) non è aquilana e nemmeno terremotata. Non è neanche una comparsa professionista, è solo talentuosa.

Rita Dalla Chiesa, assediata dalle proteste, si difende: “Noi non c’entriamo, siamo anche noi raggirati”. Non regge, bisognerebbe sempre sapere chi ti porti in casa. Rita Dalla Chiesa e i suoi collaboratori non sono mica vecchietti pensionati raggirabili (almeno speriamo non sia così). Meglio credere che la finzione sia concordata. Si potrebbe obiettare: ma è spettacolo, non fa danno. Non regge nemmeno questo: la finta aquilana, finta terremotata e finta contenta incanta le menti più deboli, e qui sì che c’è la circonvenzione dei telespettatori. Sono “testimonial” della propaganda politica più subdola e dannosa.

A meno che le trasmissioni come Forum non siano obbligate a premettere un avviso: “Attenzione, quello che state per vedere è tutto falso. Serve solo a Berlusconi. Buonanotte e buona fortuna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La campagna elettorale
di B. si fa in tribunale

next
Articolo Successivo

“Discriminazioni professionali”: rivolta
delle redazioni locali del Corriere della Sera

next