Il logo dell'associazione di “ex-omosessuali” Exodus International, inventrice della 'app'

É una levata di scudi globale quella in corso contro Apple per colpa di un’applicazione (“app” in gergo) rilasciata sullo Store online della mela morsicata.

L’associazione di “ex-omosessuali” Exodus International ha rilasciato infatti una “app”, per iPhone che, pur non contenendo alcun materiale esplicitamente offensivo, ha dato il via a una petizione online (già firmata da 100 mila persone) che ne chiede la rimozione dallo Store digitale. L’associazione Exodus, da tempo si è data lo scopo di “liberare” uomini e donne “dall’omosessualità grazie al potere di Gesù” e sul suo sito informa che è “la più grande comunità metodista di coloro che lottano contro l’attrazione indesiderata tra persone dello stesso sesso e che cercano di vivere una vita che rifletta i veri valori cristiani”. L’app collega  il melafonino ai contenuti del sito dell’associazione, segnala i post del blog ed eventi in corso. Ma, informano le associazioni che hanno lanciato la petizione, “la così detta ‘terapia riparativa’   dell’omosessualità, è stata smentita dalle maggiori organizzazioni mediche professionali come l’associazione degli psicologi americani, e l’associazione dei medici americani” e tale supposta “terapia”, aggiungono, è dannosa per coloro che si sottopongono”.

Ben Summerskill, a capo dell’organizzazione Stonewall, ha dichiarato al Guardian: “Apple dovrebbe considerare l’attenzione che pone la comunità omosessuale nei suoi consumi”. Siamo a un passo dalla campagna di boicottaggio insomma. L’azienda di Steve Jobs ha redatto delle linee-guida per gli sviluppatori delle sue applicazioni. Sono vietati materiali pornografici, violenti, razzisti, antisemiti e omofobici. Ma questa volta non c’è traccia di tutto ciò: è la stessa “ragione sociale” di Exodus a risultare offensiva per la comunità  gay. Ciononostante, non c’è da escludere che Apple riesca a trovare a breve un escamotage per bloccare l’applicazione (e anche quest’ultima polemica).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria digitale in Italia: prezzi fuori mercato e troppi distributori

next
Articolo Successivo

Mobile Pass: il tram si paga con lo smartphone

next