I giornalisti di Mediaset alzano la voce contro l’uso “personale” del Tg4 fatto da Emilio Fede per difendersi dalle sue vicende giudiziarie. “I cdr di Mediaset – si legge in una nota – auspicano che sia chiarita al più presto la vicenda giudiziaria che ha coinvolto il direttore del Tg4 Emilio Fede. Chiarimento che deve svolgersi nelle sedi opportune, evitando di usare il Tg4 come strumento di difesa personale e garantendo la credibilità e la completezza dell’informazione sulla stessa inchiesta”.

I comitati di redazione ricordano che lunedì scorso si è svolto un incontro tra azienda e sindacato dei giornalisti alla presenza del direttore generale dell’Informazione Mauro Crippa. “L’Azienda – scrivono – ha raccolto e condiviso la richiesta dei comitati di redazione per un’informazione che sulle reti Mediaset sia sempre equilibrata e completa, per rispondere alle esigenze di servizio pubblico che deve ispirare anche l’informazione dell’emittenza privata. In relazione al progetto all news i comitati di redazione auspicano che sia definita una strategia che valorizzi al meglio le risorse giornalistiche di questa Azienda e la qualità dell’informazione Mediaset”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Intervista in ginocchio a Berlusconi: ora il Tg1 attacca il Fattoquotidiano.it

prev
Articolo Successivo

Calabria infetta, Pdl e Adamo (ex Pd) contro Riccardo Iacona

next