Lo scandalo diossina si estende e ora preoccupa anche gli allevatori di suini. Per la prima volta in Germania, infatti, è stata scoperta un’elevata concentrazione della sostanza nella carne di maiale. La scoperta è stata fatta in un allevamento della Bassa Sassonia. Il portavoce del ministero dell’agricoltura di Hannover, Gert Hahne, ha annunciato che centinaia di maiali dell’azienda sono stati già abbattuti. In un altro allevamento di suini dello stesso Land sarebbero stati riscontrati valori di diossina vicini a quelli limite. Il ministero ha aggiunto che attualmente sono 330 gli allevamenti chiusi sui 4.400 inizialmente serrati.

E dopo lo scandalo tedesco, Bruxelles potrebbe intervenire direttamente per regolamentare con una normativa europea l’attività dei produttori di mangimi ed evitare il ripetersi di casi di contaminazione di diossina.

Ieri nella sede della Commissione europea le principali associazioni dei produttori hanno tenuto una riunione ed oggi Patrick Vanden Avenne, presidente della Fefac (Federazione europea dei produttori di mangimi compositi), ha scritto in un comunicato che i produttori sono pronti a presentare “entro la fine del mese” una proposta di autoregolamentazione per il monitoraggio della presenza di diossina.

Nel suo comunicato odierno la Fefac ha anche sostenuto di aver già chiesto nel 2009 che “tutti gli impianti che hanno anche una produzione di grassi non destinata agli alimenti” devono essere considerati come “impianti ad alto rischio” e quindi subire “controlli adeguati”. Inoltre la Fefac afferma che “dovrebbe essere richiesta in questo contesto la stretta separazione fisica della attività di produzione di grassi ad uso tecnico da quella di grassi per mangimi”.

“In realtà – ha detto oggi Frederic Vincent, portavoce del Commissario europeo alla salute John Dalli – la riunione di ieri è stata deludente, perché non è stata presentata alcuna proposta concreta. Noi pensiamo di intervenire prima della fine del mese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dopo nove anni di proroghe, adesso
nel Lazio esplode l’emergenza arsenico

next
Articolo Successivo

Chissenefrega delle balene

next