Pensavamo di averle lette tutte sul Giornale di casa Berlusconi. Non era così: il foglio di Via Negri sta superando se stesso nella funzione di randello contro chiunque osi deviare dal pensiero unico berlusconiano. Ora nel mirino c’è addirittura Vittorio Feltri, direttore feltrusconiano solo fino a qualche giorno fa. Non è questione di simpatia per gli obiettivi del giornale (da queste parti non ce n’è nessuna). Ma il “metodo Sallusti” puzza da lontano dei peggior metodi totalitari (con un buon tocco di stalinismo). Tanto da far tornare in mente una famosa poesia attribuita a Bertolt Brecht (ma secondo alcuni sarebbe di Martin Niemöller). Che abbiamo così parafrasato.

Prima di tutto vennero a prendere Boffo.
E fui contento perché era cattolico.

Poi vennero a prendere Fini.
E stetti zitto, perché mi stava antipatico.

Poi vennero a prendere Tremonti,
e fui sollevato, perché mi era fastidioso.

Poi vennero a prendere Feltri,
ed io non dissi niente, perché lui era un fascista.

Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare
“.

Si preparino nel centrodestra. Questo cupo commiato potrebbe essere presto sulla bocca di tutti loro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sindaci passate all’antimafia dei fatti

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Italia in buone mani, sinistra è confusa”

next