Leggo sul sito ufficiale del comune di Mogliano Veneto, che in quanto a sicurezza si fa forte dello slogan “Tolleranza doppio zero” (insomma, una tolleranza fior di farina), un titolo che definirei un capolavoro di semantica del terrore: “Colpite prostitute cinesi irregolari”.

Mi sono subito chiesto: perché “colpite”? Di solito si usa questo verbo quando si colpisce al cuore un’organizzazione, ma qui si trattava di 2 (due) ragazze cinesi che “stentavano a parlare l’italiano”. Si dice nell’articolo che gli uomini dell’Arma entravano in un appartamento “riscontrandovi una vera e propria casa di appuntamenti abusiva”, insomma, se la casa d’appuntamenti non era abusiva (pensate voi a un palazzo della politica a caso, trasformato in casa di tolleranza; e non doppio zero…) andava tutto bene, ma l’abusivismo in campo bagascesco non verrà tollerato (doppio zero!).

A parte il verbo colpire, si dice anche “prostitute cinesi irregolari” e mi sono chiesto se le due siano state “colpite” perché prostitute, perché cinesi o perché irregolari. Insomma quale dei tre era reato? Forse tutti e tre. Forse le prostitute non cinesi ma regolari (pensate voi al nome di una giovane politica a caso) sono tollerate con tolleranza 100. Una prostituta italiana regolare di siffatto genere non verrà “colpita” forse perché ha già preso le “bottarelle” giuste. Ma qual’è il motivo per cui questo vocabolario della sicurezza piace alla gente? Stiamo diventando un paese del far west? Io non ho una risposta, ma può essere che quando non ci sono regole o sparisce il rispetto per le poche condivise, quando l’edilizia, la politica, il lavoro, gli affari diventano “selvaggi”, arriva sempre il tempo degli sceriffi. Esaltare questi tempi non è esaltante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lettera a mio figlio (sulle barricate)

prev
Articolo Successivo

La fiducia, oggi

next