Cosa è rimasto dopo la grande manifestazione dello scorso anno a Roma che riempì Piazza San Giovanni e che preoccupava così tanto Berlusconi? “Poco” scrive Federico Mello nel suo blog su Ilfattoquotidiano.it.

Il fenomeno Viola è stato esemplare per come è riuscito a trascinare in piazza milioni di persone facendo parlare di sé su tutti i quotidiani sia nel bene che nel male. Mello ha descritto la storia di questo movimento in un libro che racconta storie affascinanti, come quella di San Precario. L’evento del 5 dicembre 2009 è stato talmente coinvolgente che i partiti si sono trasformati in un “servizio di catering” per realizzarlo.

Dopo quella data sono state portate avanti varie iniziative contro le malefatte del Governo, e i giornali sono stati molto generosi nei confronti del Popolo Viola dandogli molto spazio nelle pagine di cronaca politica. Qualcosa però col tempo ha iniziato a non funzionare bene. All’interno del movimento si sono scatenate polemiche anche per la sola registrazione del dominio del popolo viola (qualcuno doveva pur farlo), fino alle accuse dirette proprio a Gianfranco Mascia – che dovrebbe esserne il proprietario.

Sui quotidiani si è letto di Mascia come il “leader o portavoce” del movimento e il suo volto lo hanno iniziato a conoscere anche i telespettatori del Tg1. Mascia, da esperto di comunicazione, ha sempre tenuto calda la piazza fornendo i numeri sulle presenze: anche alla convention di ieri sono stati illustrati i sondaggi di Ipr Marketing. Ma quella dei numeri è una tecnica che usa lo stesso B.

I ragazzi che hanno deciso di “scindersi” dal Popolo Viola per formare i gruppi locali contestano il doppio ruolo di Mascia, cioè quello di portavoce del movimento e quello di funzionario di Italia dei Valori. La contestazione maggiore che quindi riceve il Popolo Viola è la “non trasparenza”, perché se da una parte al No B Day sono stati accantonati ora vengono organizzate le convention con Di Pietro e Vendola.

Sono queste le accuse maggiori che vengono rivolte al Popolo Viola e direttamente a Mascia. I gruppi locali dunque sono nati da queste polemiche ma non è ancora così chiara la differenza tra questi ultimi e il cosiddetto “paginone”. Tant’è che spesso agli eventi organizzati dal Popolo Viola non si capisce bene se si tratta del paginone o di un gruppo locale e se questo è connesso o meno al primo.

Finita la favola è giusto che si diano più informazioni specie a quegli italiani che esprimono “fiducia” al Popolo Viola – secondo i sondaggi di Ipr Marketing – magari perché confidano ancora nello spirito collettivo con cui originariamente è nato il movimento, senza né leader né portavoce e non collegato ai partiti. Altrimenti non c’è nulla di male a mettere le cose in chiaro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Appunti per un glossario di fine impero (2)

next
Articolo Successivo

Tradimento 2.0

next