Posto di blocco della Polizia federale messicana dopo l'agguato - Foto LaPresse
Hermila Garcia Quinones, 38 anni, era il capo della sicurezza pubblica a Meoqui, 70 chilometri a sud di Chihuahua, in Messico. Una terra dove i narcos imperversano, mentre poliziotti onesti e testimoni scomodi finiscono al cimitero. Hermila era una poliziotta, onesta e scomoda.

Due mesi fa, aveva accettato quell’incarico che tutti rifiutavano perché “qualcuno dovrà pur fermare questa mattanza”. Lunedì l’hanno ammazzata con tre colpi in pieno volto, per ricordare a tutti che da quelle parti comandano i trafficanti. Hermila è rimasta in terra per un’ora e mezza, prima che arrivasse la polizia municipale. Sola, con il suo coraggio.

(Posto di blocco della Polizia federale messicana dopo l’agguato – Foto LaPresse)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Militari e forze dell’ordine alzano la testa, per la prima volta insieme scendono in piazza

next
Articolo Successivo

“Fisicamente e politicamente debole”. Nei file di Wikileaks anche i commenti dentro al Pdl

next