Posto di blocco della Polizia federale messicana dopo l'agguato - Foto LaPresse
Hermila Garcia Quinones, 38 anni, era il capo della sicurezza pubblica a Meoqui, 70 chilometri a sud di Chihuahua, in Messico. Una terra dove i narcos imperversano, mentre poliziotti onesti e testimoni scomodi finiscono al cimitero. Hermila era una poliziotta, onesta e scomoda.

Due mesi fa, aveva accettato quell’incarico che tutti rifiutavano perché “qualcuno dovrà pur fermare questa mattanza”. Lunedì l’hanno ammazzata con tre colpi in pieno volto, per ricordare a tutti che da quelle parti comandano i trafficanti. Hermila è rimasta in terra per un’ora e mezza, prima che arrivasse la polizia municipale. Sola, con il suo coraggio.

(Posto di blocco della Polizia federale messicana dopo l’agguato – Foto LaPresse)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Militari e forze dell’ordine alzano la testa, per la prima volta insieme scendono in piazza

next
Articolo Successivo

“Fisicamente e politicamente debole”. Nei file di Wikileaks anche i commenti dentro al Pdl

next