Loro vogliono i crocefissi nelle aule, e chi rivendica la laicità dello stato dovrà passare sul loro cadavere. Loro rispettano la vita ed esaltano la mortificazione della carne di chi non ha speranza alcuna di ritornare cosciente. Loro mettono in guardia dagli attacchi alla cristianità e portano a spasso il maiale nei terreni dove altri fedeli, figli di un Dio minore, vorrebbero costruire una moschea. Loro difendono i valori della famiglia e il loro diritto a tradirla con decine di escort lasciate in overdose a marcire sul pavimento di una bettola di lusso. Loro parlano di rispetto per la sacralità delle nostre radici millenarie e in nome di questi principi saldi e inamovibili condannano gay e lesbiche a stare insieme per 30 anni senza neppure la possibilità di assistere il loro caro se è in fin di vita. Loro sono il popolo che ama, tutti gli altri sono comunisti.

In questo video, potete vedere Fabrizio Angelo Dalcerri, capogruppo Lega Nord, e Antonio Stefano Buono, capogruppo Pdl al Comune di Opera, una ridente località a sud di Milano nella quale mi onoro di essere cresciuto. Stanno visitando una cattedrale a Monaco di Baviera. Si leggono sguardi carichi di rispetto ed emozione, si sentono voci sopraffatte dall’impatto con la storia e contrite per l’imminente remissione dei loro peccati, si vedono volti scolpiti dalla devozione mentre enunciano come un mantra i loro incrollabili valori, ribadendo i capisaldi di una fede che li sorregge in questi tempi bui preda del relativismo e del crollo delle tradizioni, che loro si fregiano di proteggere ergendosi a baluardo della cristianità.

In verità… in verità vi dico: é più cristiano un comunista bolscevico di questi mercanti della democrazia in villeggiatura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Futuristi delusi da Fini: “Doveva dimettersi
e far cadere sia il governo che Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Catricalà, non ci mancherai

next