“Entro dieci giorni a Terzigno la situazione tornerà alla normalità ”. Lo ha detto il premier, Silvio Belrusconi durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi. Assieme al presidente del Consiglio, il numero uno della Protezione civile, Guido Bertolaso, il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e il governatore della Campania, Stefano Caldoro.

Berlusconi ha poi proseguito: “Non ci sono preoccupazioni per la salute dei cittadini”. E ricorda che il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha svolto durante la riunione in Consiglio dei ministri una relazione. Poi annuncia che sarà Guido Bertolaso a gestire l’emergenza rifiuti nel napoletano, che precisa: “Il termovalorizzatore di Acerra funziona a funzionerà sempre meglio. Inoltre sono previste dalla legge altre tre discariche che verranno aperte in tempo utile”.

Il presidente della Campania, Caldoro, manifesta apprezzamento per l’operato del governo. ”Ringrazio l’esecutivo per la decisione forte e tempestiva presa”. Caldoro fa riferimento alla decisione di far intervenire “il governo e la struttura del dottor Bertolaso laddove c’è stata una cattiva gestione del concessionario della discarica di Terzigno”.

Intanto nel pomeriggio anche il Presidente dello Sato, Giorgio Napolitano, è intervenuto: “Ho seguito con profonda pena e crescente allarme la nuova crisi dei rifiuti a Napoli, le gravi tensioni che sono insorte e la situazione di avvilente degrado che essa ha determinato in provincia e in città. Era necessario e urgente che il governo si assumesse le sue responsabilità: e oggi l’ha fatto al più alto livello”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pio Albergo Trivulzio, mafia e appalti
Diciotto anni dopo di nuovo ombre e sospetti

next
Articolo Successivo

Nell’anniversario della morte di Cucchi Antigone presenta il rapporto sulle carceri

next