Dale T. MortensenSono Peter A. Diamond, Dale T. Mortensen e Christopher A. Pissarides i vincitori del premio Nobel per l’economia.  L’Accademia reale svedese delle scienze ha così riconosciuto l’importanza della loro nuova metodologia d’analisi sui mercati del lavoro. Il lavoro dei tre Nobel spiega come la disoccupazione, l’offerta di lavoro e i salari siano influenzati dalle norme e dalla politica. “Perché ci sono tanti disoccupati nei momenti in cui ci sono tante offerte di lavoro? Come la politica influenza la disoccupazione? I premiati di quest’anno hanno sviluppato una teoria che può essere utilizzata per rispondere a queste domande”, spiega l’Accademia in un comunicato.

Sui mercati venditori e compratori non sempre entrano in contatto immediatamente. Succede così anche sul mercato dell’impiego tra il datore di lavoro e il ricercatore. La ricerca richiede tempo e risorse e provoca una frizione nel mercato. Quindi la domanda di alcuni compratori non sarà soddisfatta, così come alcuni venditori non riusciranno a vendere quanto vogliono. Lo stesso accade anche nel mercato del lavoro: ecco perché possiamo avere allo stesso tempo offerte di impiego e disoccupati.

Diamond, 70 anni, insegna al Mit di Boston. In passato è stato docente di Ben Bernanke, attuale capo della Federal Reserve. Mortensen , 71 anni, è professore alla Northwestern University di Chicago e ha pubblicato alcune opere sulle teorie riguardanti il periodo di disoccupazione tra due impieghi. Nato a Nicosia, Cipro, Pissarides, 62 anni, è docente della London School of Economics ed è specialista delle interazioni tra mercato del lavoro e decisioni macroeconomiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dal Potere Assoluto al Potere Segreto

next
Articolo Successivo

Rischio bancarotta, Dublino nei guai. Adesso l’Irlanda sta peggio dell’Iraq

next