Il Governo ripresentera’ la legge sulle intercettazioni. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenuto in collegamento telefonico alla Festa della Libertà a Milano. “Siamo ancora impegnati a lottare per l’inviolabilità delle nostre conversazioni – ha detto il premier -, ho parlato oggi con il ministro della Giustizia Alfano e ripresenteremo la legge”.

Il premier si dice convinto che il governo arriverà alla sua scadenza naturale: “Il Governo e’ forte, non abbiamo mai smesso di lavorare nemmeno in agosto. Continueremo a farlo convinti che non ci siano alternative a questo nostro governo” .

Berlusconi ha quindi ricordato il discorso sui cinque punti contenente le riforme che si intendono attuare nella seconda parte della legislatura e che presentera’ ai due rami del Parlamento la prossima settimana e sottolineato l’impegno dell’esecutivo nella lotta alla mafia. Il premier, durante il suo intervento, ha anche riproposto il suo primo discorso del 1994 ritenendolo “attualissimo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Se ci vogliono così

prev
Articolo Successivo

Lecco, dopo la denuncia dei cittadini, la prefettura trasloca il suo archivio nella pizzeria confiscata alla mafia

next