Da una parte i militanti di Forza Nuova, con le bandiere raccolti in silenzio. Dall’altra, un gruppo di cittadini che all’uscita gridano “Fuori la mafia dallo Stato”. E’ successo un’altra volta a Como dove Marcello Dell’Utri ha tenuto un incontro con Alessandro Sallusti, per discutere dei diari di Mussolini nella sede del giornale L’Ordine.

I militanti di Forza Nuova hanno esposto uno striscione con la scritta “Nostalgici di un’Italia senza mafia”. I giovani hanno lanciato all’indirizzo di dell’Utri cori ironici: “Marcello offrici da bere, Marcello offrici da bere”. Il gruppo è stato tenuto distante dalla sede del quotidiano da uno schieramento di forze dell’ordine. Entrambe le proteste si sono svolte in modo pacifico. Prima dell’incontro tra dell’Utri e Sallusti, all’ingresso del palazzo dell’Ordine, è apparsa una scritta nera: “Nessuno spazio alla mafia”.

Il 30 agosto scorso Dell’Utri, a causa delle contestazioni, era stato costretto a lasciare il palco di Parolario dove avrebbe dovuto leggere brani di diari del duce, sulla cui autenticità è polemica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto: Boschi e Bertolaso show

next
Articolo Successivo

Lascia il superpoliziotto che per trent’anni
ha combattutto la ‘ndrangheta al nord

next