Volendo tornare su una situazione momentaneamente accantonata, quella della tragica situazione della sanità napoletana, avanzo una proposta che forse non risolverà tutti i problemi ma che magari riuscirà ad assicurare lo stipendio ai dipendenti.

La situazione è nota: l’Azienda Sanitaria Locale di Napoli è la più indebitata di Europa. Come dire che fare peggio di quanto abbia fatto la direzione generale in questi dieci anni è praticamente impossibile. Sperare che la politica chieda conto ai manager che si sono succeduti è pura utopia per il semplice motivo che questi manager sono stati nominati dalla stessa politica. Ci sono buone ragioni per credere che gli stessi manager e assessori stiano veleggiando verso incarichi altrettanto prestigiosi e remunerativi completando quella poco meritoria opera di demolizione della res pubblica che pare essere l’unica missione della loro esistenza.

Ci sono altrettanto buone ragioni per predire che a pagare il salato conto saranno gli utenti dei servizi che vedranno, nel tempo, chiudere strutture socio assistenziali che, causa debito con la Asl, non riescono più a pagare gli stipendi degli operatori e ad assicurare il funzionamento del servizio.

Indagare su questo colossale disastro non è cosa da blogger, però, a differenza di quello che ha sempre ripetuto La Capria, ritengo che la stessa società civile di Napoli una qualche responsabilità forse ce l’ha. L’humus culturale e civile di Napoli non può semplicemente tirarsi fuori perche nella sanità non operano solamente i manager e i politici. Operano i sindacati e tanti cittadini lavoratori, parte dei quali ottusamente inerti. Anche loro partecipano alla dissipazione di un servizio pubblico senza proferire alcunché.

La proposta è questa: posto che la sanità rappresenta uno dei beni primari di una comunità locale e la dirigenza si è dimostrata distratta e sprovveduta ( volendo usare un eufemismo ) nella gestione e organizzazione, si mandino i caschi blu. A questo corpo di pace si deleghi interamente la ricostruzione delle finanze ma anche dell’orgoglio di un servizio pubblico che tra tarantelle ( politiche ) e consulenze sta andando letteralmente verso una implosione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La controreplica del procuratore Gatto: “Oggi è il potere a essere giudicato”

next
Articolo Successivo

Quanto sei brutta Roma. Ma non per colpa tua…

next