In Italia i  Presidenti delle Federazioni non pagano mai anche quando i loro errori sono evidentissimi. Quando Abete diventò Presidente della FIGC trovò Donadoni quale CT che stava preparando gli Europei.
Fece di tutto per manifestare la sfiducia al giovane tecnico ancor prima dei Campionati Europei dimostrando apertamente di volerlo cambiare con Marcello Lippi.

Gli Europei  furono affrontati da Donadoni senza alcuna copertura “politica”, anzi con la certezza che solo in caso di vittoria finale sarebbe stato riconfermato.

Quindi delegittimato dallo stesso Presidente nei confronti della squadra. L’Italia uscì ai rigori nei quarti di finale contro la Spagna, che poi vinse il titolo, ed a Donadoni non fu rinnovato il contratto.

La cocente delusione degli azzurri ai mondiali sudafricani è da addebitare ad una conduzione tecnica quantomeno discutibile di Marcello Lippi, ultimi in un girone di 4 scartine. Lippi, voluto a tutti i costi da Abete due anni fa,  aveva già anticipato l’intenzione di andarsene. La stessa cosa dovrebbe fare Abete, al pari del suo collega francese  dopo il disastro mondiale dei transalpini, ultimi come noi nel girone di qualificazione, ha rassegnato immediatamente le dimissioni.

Ma nello sport italiano i Presidenti di Federazione non pagano mai perchè ormai  non sono sostenuti come nell’altro secolo  dai risultati, ma solo dagli appoggi politici.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FORZA ITALIA!
“Ce ne andiamo a casa. Superspot”

next
Articolo Successivo

Beha d’Africa: la lobby di Lippi

next