» Politica
martedì 03/10/2017

Sicilia, Genovese junior: “Sì, sono un figlio di papà ma è Silvio il sole che sorge”

In Sicilia si candida il figlio di Francantonio, deputato ed ex sindaco di Messina, condannato a 11 anni

Io la ricordo piccino così. “Avevo dieci anni, forse mi ha visto mentre assistevo a qualche comizio di papà”.

Luigi Genovese è candidato a consigliere regionale in Sicilia, ha 21 anni ed è figlio del deputato Francantonio Genovese, è nipote del senatore Luigi Genovese, è pronipote del pluriministro Nino Gullotti.

Come ho più volte ribadito, qui non è questione di poltrone, ma di passione.

La ricordo piccino piccino ma già notevolmente appassionato.

A 15 anni l’ho sentita dentro, forte, tracimante la voglia di misurarmi con la realtà, i problemi della gente. La politica è servizio, e i Genovese sono per Messina una costante, un punto di riferimento.

La politica è servizio.

Ripetiamolo chiaro: i Genovese a Messina sono imprenditori al servizio della città. Non c’è un giorno che un messinese non chieda e non abbia una parola di conforto, un aiuto, un consiglio.

Suo padre ha ottenuto undici anni di reclusione per truffa, peculato e mi pare altro. Il servizio alla città non è purtroppo stato ritenuto all’altezza delle aspettative.

Ricordo solo che è una sentenza di primo grado. Lei avanzi pure le sue certezze, ma il diritto prevede un giudizio d’appello e, se del caso, quello di legittimità.

Trentatré mesi tra carcere e domiciliari.

Senza neanche una condanna definitiva, le sembra giusto? Le pare bello? La storia si fa con le sentenze definitive. Il giudizio si dà quando tutto sarà deciso. E non le ho detto che in queste ultime settimane siamo inondati da assoluzioni di tutti i tipi. In famiglia siamo molto fiduciosi. Io assolutamente certo della completa innocenza di papà.

Anche la mamma condannata.

E allora?

Anche lo zio Franco Rinaldi, deputato regionale.

E allora? Cosa vuol fare intendere?

O si tratta di accanimento.

Io sono incensurato.

“Abbastanza incensurato”, ha detto a Emanuele Lauria di Repubblica. Bella definizione.

Grazie.

Luigi, figlio incensurato di Francantonio già deputato del Pd e, dopo il carcere, deputato di Forza Italia. E come Francantonio fulminato dalla politica in giovane età. Successe così pure a suo nonno, allo zio, al prozio. Tutti incamminati verso il bene comune.

I primi passi li ho fatti in direzione del Pd, poi mi sono ravveduto. Dentro di me mi sento moderato, penso che Silvio Berlusconi sia per tanti il sole che sorge, l’uomo prudente ed equilibrato, giusto, riformista.

Come diavolo hanno fatto a scovarla quelli di Forza Italia?

Guardi che faccio politica da tempo, che questa passione è davvero sbocciata al liceo e poi è andata espandendosi.

Pensavo avesse voglia di finire l’università.

Ho qualche esame ancora da dare a Giurisprudenza. Per fine anno mi metto sotto e mi presento all’appello di Procedura penale.

Papà pensa al resto.

Papà? Allora non ha proprio capito che è farina del mio sacco?

Rimedio subito: la politica l’ha conquistata che era ancora un ragazzino. Poi col tempo l’ha trascinata nell’agone.

Sono stato presidente delle Consulte regionali.

E quando si è trattato di sfidare la sorte, lei da outsider si è buttato nella mischia.

Credo però che papà mi voti.

Io anche. E credo che la faccia votare. E credo che sarà eletto. Si fosse chiamato Luigi Francese, o anche Luigi Tedesco non ci avrei giurato…

Chi può dirlo?

Lei è un figlio di papà.

Teoricamente sono figlio di papà.

Luigi, figlio di papà.

Il figlio di papà è colui che eredita la fortuna del padre.

Ma non è questo il caso.

Andrei piano con i pregiudizi, venga a vedere la campagna elettorale che farò, venga a vedere la gente, le idee che metteremo in campo.

Forza Italia sceglie tutta gente che viene dalla trincea del lavoro.

È così, e io sono stato molto felice quando mio padre ha scelto di aderire al progetto di Berlusconi. Diciamocelo tra noi, l’unico che ha veramente lavorato per una grande riforma costituzionale. L’unico che ha governato davvero.

La stagione del buon governo. Semplicemente memorabile.

Non concorda?

Luigi, ehm, per fare politica ci vuole anche il fisico, lo sa?

Lo so.

Si corre di qua e di là, si fanno le ore piccole. Lei è smilzo.

Cinquantacinque chilogrammi.

Servono carboidrati e proteine.

A tavola mamma mi dice sempre: mangia di più.

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Si arruola scilipoti l’ultimo crociato

Il prode Domenico Scilipoti Isgrò torna a far parlare di sé perché la Corte d’Appello di Palermo ha escluso il suo movimento – Unione Cristiana – dalle Regionali di Palermo. Secondo Scilipoti, la colpa è ricaduta sul simbolo: una croce. L’ex senatore dell’Idv, passato in fretta in Forza Italia, rivendica l’utilizzo della croce di Gesù e dunque si reputa depositario di quello che rappresenta. Scilipoti, il crociato, denuncia la deriva laicista dell’Italia e promuove la sua battaglia: “Constatiamo con profonda amarezza come la società in cui viviamo sia in preda a una dittatura culturale che vuole distruggere i valori espressi dai seguaci di Gesù. Non possiamo permettere che più di 58 milioni di persone vengano discriminate e ingiustamente contestate. Fermeremo tutti insieme questo pericoloso processo di scristianizzazione che sta generando un crollo di quei principi antropologici alla base del nostro vivere”. Dopo il collega di partito Antonio Razzi, che si è proposto di salvare il mondo dialogando con la Corea del Nord, Scilipoti è pronto a salvare la Chiesa, la croce e papa Francesco. Per iniziare, cita la Bibbia: “Il Signore nostro Dio sia con noi come è stato con i nostri padri”.

Politica
Lo definì un “santificato”

Di Maio, la giravolta sull’ex sindaco di Licata Cambiano

La giravolta del candidato premier. Nel giro di poche settimane, Luigi Di Maio ha cambiato opinione sull’ex sindaco di Licata Angelo Cambiano: noto per la sua lotta all’abusivismo, appena indicato dal candidato governatore in Sicilia del M5S Giancarlo Cancelleri come suo assessore agli enti locali in caso di vittoria, e celebrato dallo stesso Di Maio. Nell’agosto scorso però Cambiano era stato sfiduciato in Consiglio comunale. E poche ore dopo, l’11 di quel mese, Di Maio commentava così in una chat con alcuni deputati: “Non mi meraviglierebbe che ce lo ritrovassimo candidato in Regione. Siccome è del Pd ed è amico di Alfano, viene santificato”. Parole profetiche e di certo non lusinghiere per l’ex sindaco, “svelate” ieri dall’Adnkronos. Interpellato proprio dall’agenzia di stampa, Di Maio ha quindi dovuto precisare: “Mi ero fatto un’idea sbagliata. Non conoscevo Cambiano, questa è una bella storia di pregiudizi caduti. Quando l’ho incontrato mi aspettavo un uomo di partito vecchio stile e invece ho trovato una persona eccezionale: un sindaco con gli attributi“.

Politica

I parlamentari vogliamo sceglierli noi, no a una legge elettorale incostituzionale – Firma la petizione

Politica

La legge pro-abusi arriva in aula. Ora il Pd ci ripensa

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×