» Commenti
mercoledì 28/06/2017

Ogni volta che c’è un felino il Pd muore

“Si vincono e si perdono le elezioni sui risultati ottenuti e sui progetti per il futuro e noi su questo dobbiamo vivere con molta libertà perché siamo i più forti di tutti, non ce n’è per gli altri”. Martedì, Ore Nove – la rassegna stampa personale di Renzi (ne aveva assoluto bisogno: appena il 99% dell’informazione schierata con lui), cui segue un palinsesto da fare invidia a Netflix, tipo l’imperdibile Terrazza Pd (ma il problema del Pd non è proprio che sta troppo in terrazza e poco ai piani bassi?) – l’ex premier scamiciato ci spiazza ancora una volta e invece di ammettere la sonora batosta alle Amministrative (basti che su 110 sindaci 64 erano di centrosinistra e oggi sono 34, quasi dimezzati; più il cappotto in Lombardia, a Pistoia, che dal ’46 aveva avuto solo sindaci di sinistra, Genova e il tracollo nelle regioni rosse), ce la canta e ce la suona: “Siamo i più forti, non ce n’è per gli altri”.

Già a caldo, domenica sera, aveva cercato di vendere il bicchiere mezzo pieno parlando di risultati “a macchia di leopardo”, una metafora che ricorda l’infausto “smacchiamo il giaguaro” di Bersani e che dovrebbe suggerire al Pd di lasciar perdere – una volta per tutte – i felini, visto che ogni volta che vengono evocati finiscono sbranati dal Caimano. D’altronde, già dopo aver perso le Regionali (Liguria adieu) e le scorse Comunali (Roma e Torino adieu), non si era fatto intimorire ed era filato, dritto come un fuso, verso la storica débâcle del referendum del 4 dicembre. Ma niente, non s’è abbattuto ancora ed è tornato.

Certo che babbo Tiziano e mamma Laura gli hanno introiettato un’autostima invidiabile: che l’abbiano educato a suon di “sei il più bello, bravo, magro e biondo”? Beato lui che “siamo i più forti, non ce n’è per gli altri”, formula che dimostra anche una generosità straordinaria, visto che potrebbe – meritatamente – dire “Io”.

Al diavolo i “parrucconi” come De Mita che, da Mentana prima del referendum, scambiò la sua onnipotenza per tracotanza: “Credo sia irrecuperabile, perché ha una tale consapevolezza di sé, che non vede limiti alla sua arroganza”. Puah.

“Siamo i più forti, non ce n’è per gli altri”, dice Renzi, forte dei “risultati ottenuti”. Come non vederli? La riforma costituzionale bocciata dagli italiani; quella elettorale dalla Consulta, che ha bocciato pure la riforma della P.A.; poi c’è il lavoro, che col Jobs Acts e decine di miliardi dati agli imprenditori ci consegna meno diritti, una disoccupazione a due cifre, boom di voucher (tolti per disinnescare il referendum e poi rimessi) e contratti a termine quando va bene (finiti gli sgravi, addio assunzioni); crescita del Pil nel primo trimestre più bassa in Ue (salvo la Grecia); manovra da 3,4 mld per correggere i conti dei bonus referendari, in attesa delle lacrime d’autunno; 5,5 mld per le banche; 600 milioni per Alitalia; e la #cattivascuola, le nomine dei direttori dei musei bocciati dal Tar, la Rai con l’addio di Campo Dall’Orto, L’Unità fallita, lo scandalo Consip, Etruria… e via a inanellare trionfi.

Dimenticavo gli 80 euro, quelli che secondo l’Istat hanno aiutato di più i redditi medio alti (i troppo bassi li hanno dovuti restituire), e soprattutto hanno aiutato Lui, il più forte di tutti, facendogli vincere le europee. Questo sì è un successo. L’unico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Vignette

La vignetta di Beppe Mora del 28/06/2017

Commenti

I politici ci governano, ma per portarci dove?

Commenti
cosa resterà...

L’incubo dei misteriosi zero virgola

di
Commenti
Il CHIERICO VAGANTE

Da Lenin a Civati, per una sinistra atea e razionalista ma umanista

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×