/ / di

Marco Zavagli Marco Zavagli

Marco Zavagli

Giornalista

Sono nato nel 1974 a Ferrara, da dove non mi sono più spostato, salvo un anno in Scandinavia. Qui mi chiedevano come si potesse vivere tutta la vita in una città di provincia. Rispondevo che quando il riccio attraversa la strada e viene abbagliato dai fari delle auto si immobilizza. Rimane stordito. E viene investito. Per non correre il rischio rimango sul ciglio. Forse un po’ stordito. Ma osservo. In una città di provincia si vive al rallentatore. A volte un evento fa breccia nella quotidianità. Come la morte di un ragazzo di 18 anni. A una manifestazione in questa città di provincia, organizzata per chiedere che i responsabili della sua uccisione venissero processati, c’erano ottomila persone. Provenivano quasi tutti dall’altra parte della strada. Tra loro c’era un ragazzo con una maglietta con sopra una frase di Brecht. “La menzogna si scrive col sangue, per la verità basta l’inchiostro”. Basta l’inchiostro. Forse per questo sono contento di essere un giornalista in una città di provincia. Nessuno può togliermi l’inchiostro. Così scrivo. Sul ciglio della strada osservo e scrivo. Pensando a quella maglietta. E a quel ragazzo. Che ero io

Post di Marco Zavagli

Cultura - 25 febbraio 2016

#Petaloso, Umberto Eco e l’arte di inventare

Nel giorno dei funerali di Umberto Eco, l’Accademia della Crusca risponde a un bambino di 8 anni che ha inventato una nuova parola e chiede di inserirla nel vocabolario di italiano. La coincidenza è la cosa che più ha commosso Margherita Aurora, la maestra di Matteo, l’alunno che immagina un fiore “profumato e petaloso”. Non […]
Emilia Romagna - 10 aprile 2015

Federico Aldrovandi, il video-boomerang del Sap

“Causa patrocinio non bona peior erit” ammoniva Ovidio. Una cattiva causa peggiora se la si difende. È la regola che da anni ormai impera nella vicenda Aldrovandi. Grazie all’inconsapevole Giovanardi si venne a sapere dopo mesi dalla morte di Federico che sul suo corpo vennero rotti due manganelli. Grazie a un avvocato difensore si venne […]
Emilia Romagna - 19 marzo 2015

Federico Aldrovandi un caso isolato? Pare di no. Ne vogliamo parlare?

“A Ferrara ci sono state altre situazioni molto dubbie risolte in modo abbastanza… ‘in carrozza’”. In carrozza, cioè alla buona, senza tribolare, alla carlona. È una frase che esce dalla bocca di un ispettore della questura di Ferrara, Alessandro Chiarelli, responsabile dell’ufficio minori e segretario provinciale del Siap (Sindacato italiano appartenenti alla Polizia). Il poliziotto […]
Emilia Romagna - 17 dicembre 2014

Caso Paula Burci, ‘Gli assassini di tua sorella sono liberi’

Ciao Aurelian. Sono un giornalista di Ferrara. Purtroppo ti devo informare che gli assassini di tua sorella sono stati scarcerati. È tutto quello sono stato in grado di scrivere ad Aurelian Burci. Sua sorella Paula venne torturata a bruciata viva a Ferrara. Paula lasciò il paesino natale nei Balcani, Segarcea, in Romania, per venire in Italia […]
Cronaca - 17 luglio 2014

Federico Aldrovandi e i frutti di chi mette radici

Oggi Federico Aldrovandi avrebbe compiuto 27 anni. A ricordarlo ogni anno in via Ippodromo a Ferrara c’è una targa. Nato il 17 luglio 1987. Morto il 25 settembre 2005. Tolstoj scriveva che “noi moriamo soltanto quando non riusciamo a mettere radice in altri”. Federico di radici ne ha messe. Tante. Nel novembre del 2010, in […]
Cronaca - 30 aprile 2014

Caso Aldrovandi: da che parte stanno i poliziotti che applaudono i pregiudicati?

È il momento di capire da che parte stanno i poliziotti. Non solo quelli che hanno applaudito per cinque minuti tre colleghi. Tutti i poliziotti. Perché il Sap è uno dei maggiori sindacati e perché l’episodio della standing ovation a fine congresso non è isolato in questo circuito, anzi cortocircuito, di appoggio incondizionato, di ‘spirito […]
Emilia Romagna - 23 aprile 2014

Reddito zero: ecco da chi è composto l’esercito

C’è chi ha perso il lavoro, chi studia, chi vanta un reddito autonomo sotto i 5mila euro all’anno. C’è la moglie separata che percepisce l’assegno dal marito, c’è il capofamiglia disoccupato senza risparmi in banca e senza un’abitazione di proprietà. C’è anche chi percepisce una pensione minima. C’è pure il commerciante sommerso dai debiti o […]
Ambiente & Veleni - 16 aprile 2014

Terremoto Emilia, il sisma messo in scena dal teatro dall’assurdo

Uno è assessore alle attività produttive, l’altra a sicurezza territoriale, difesa del suolo, protezione civile. Cosa ne potevano sapere loro di un rapporto commissionato dall’ente per cui lavorano (la Regione Emilia-Romagna) e che tratta della correlazione tra estrazioni e i terremoti del maggio 2012 che hanno causato 27 morti? L’incontro tra Carlo Muzzarelli e Paola […]
Emilia Romagna - 22 marzo 2014

Federico Aldrovandi, il Coisp e la crudeltà umana

Nel tristemente noto sit-in del Coisp del marzo 2013 è andata in scena un’azione di crudeltà umana. Oggi lo si può dire. Tranquillamente. Lo si può dire perché  sono le parole di un pubblico ministero, fatte proprie da un giudice. Lo si può tranquillamente dire senza finire nel lungo novero di quasi cento querele intentate […]
Emilia Romagna - 14 febbraio 2014

Aldrovandi: ministro Alfano, cosa intende lei per disonore?

Ministro Alfano, cosa intende lei per disonore? Me lo chiedo dopo aver letto la risposta al question time sulle sanzioni disciplinari comminate ai quattro agenti di Polizia condannati in via definitiva perl’omicidio colposo di Federico Aldrovandi. Nel foglio si legge che quei consigli, “proprio in considerazione della natura non dolosa della condotta”, hanno ritenuto “congrua la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×