“Mai più, mai più, mai più, mai più. Chi deve capire, comprenda”. Le polemiche dopo il disastro di Livorno varcano la soglia del Duomo. Durante i funerali delle quattro vittime della famiglia Ramacciotti è il vescovo di Livorno, Simone Giusti, a riflettere ad alta voce, durante l’omelia. “Meglio una notte in più a casa di amici, meglio una polemica sui giornali in più per una falsa allerta che nuovamente giorni come questi”. “Come si fa perché stanotte io possa dormire tranquillo, come fa la popolazione vicina ai torrenti, se ritorna una perturbazione come quella dei giorni scorsi?”. E ancora: “Si sono fatte subito delle delibere? Altrimenti si fanno chiacchiere, chiacchiere, chiacchiere e la gente continua a morire”. Ma soprattutto: “Chi doveva gridare di uscire alla gente? Chi doveva avvertire? Devo dare ragione al ministro Galletti, è cambiato il clima. E chi non accetta il cambiamento climatico è sonato, come si dice a Livorno”. Parole che provocano una lite a distanza – non la prima – con il sindaco Filippo Nogarin: “Il vescovo deve fare il vescovo – risponde ai giornalisti sul sagrato della cattedrale – Deve occuparsi delle anime delle persone. Invece questo vescovo si occupa di cose che non sono di sua competenza”.

Giusti, originario di Buti (in provincia di Pisa), è architetto, ha anche progettato alcune chiese in Toscana. E’ a Livorno da quasi 10 anni. “E’ inutile stare ad arrampicarsi sulle polemiche – dice – perché le polemiche non fanno resuscitare queste persone. Noi dobbiamo cercare di evitare che queste cose accadano. Ormai quello che è successo, è successo. Come si fa perché stanotte io possa dormire tranquillo, come fa la popolazione vicina ai torrenti, se ritorna una perturbazione come quella dei giorni scorsi? C’è da cambiare le procedure, codice rosso, codice arancione? C’è da mettere in moto nuove procedure di allerta perché ormai il clima è cambiato e per cui si richiedono nuovi protocolli? Cambiamoli, non facciamo polemiche sterili. Cambiamoli. Ma alla domanda: sono stati cambiati? Si è fatta subito una riunione di giunta per cambiare queste cose? Si sono fatte subito delle delibere? Altrimenti si fanno chiacchiere, chiacchiere, chiacchiere e la gente continua a morire”.

Nogarin a stento trattiene l’irritazione. Rivendica di aver fatto “tantissime cose da tre giorni a questa parte”. “Stiamo tenendo in piedi concretamente una macchina di emergenza che ha ricevuto i complimenti dei vertici nazionali della protezione civile – aggiunge il sindaco – dimostrando che non solo la macchina amministrativa c’è ma che la città ha un cuore enorme e dopo essere stata colpita da una calamità naturale sta cercando di rimettersi in piedi in tempi record“. Ancora una volta – come aveva fatto anche al Fatto.it – dice di non rimproverarsi niente: “Non mi sembra che possa recriminare qualcosa a me – conclude – o alla giunta o al gruppo di maggioranza, qualcosa di differente rispetto a quello che abbiamo già fatto. Rimando al mittente questo comportamento che per certi versi mi lascia perplesso”.

Ma la riflessione del vescovo Giusti tocca molti punti. “Meglio una notte in più a casa di amici, meglio una polemica sui giornali in più per una falsa allerta che nuovamente giorni come questi. Ma se la burocrazia con le sue terribili leggi inerziali, non cede il passo a pronti interventi di riassetto idrologico del nostro territorio a partire da Montenero e Valle Benedetta, potremo presto rivedere un’alba piangente come quella del 10 settembre”. “Ma il torrente e la pioggia esagerata sono i colpevoli? Ma ciò non doveva succedere – ha detto Giusti -, l’invaso era stato costruito proprio lì perché si riteneva impossibile potesse esondare. L’uomo crede di poter tutto prevedere ma sovente si trova davanti all’imprevedibile e tutto ciò purtroppo non è privo di conseguenze: quanto dolore oggi e per chissà quanti anni e in quante persone. Con umiltà e forte determinazione questa protervia umana deve cedere il passo all’umiltà e a concreti piani di evacuazione per aree a rischio esondazione”. Ai giornalisti che chiedono di chi fosse la responsabilità del disastro Giusti ha risposto che “sta alla procura che ha aperto un’inchiesta accertarlo. Ho grande fiducia nel procuratore che conosco, e mi auguro che faccia alla svelta”.

Non è la prima volta che sindaco e vescovo si trovano a discutere con messaggi a distanza. Per esempio in alcuni casi su alcune questioni del Terzo Settore e del sociale: “Il Comune toglie i fondi? Noi ne troveremo altri grazie alla Provvidenza, loro ne risponderanno a Dio”. Alla fine del 2015, invece, monsignor Giusti dette un’intervista al Corriere Fiorentino: “Ho paura per Livorno” disse. Era il periodo delle tensioni dovute alla crisi di Aamps, l’azienda dei rifiuti. “A Livorno c’è una situazione gravissima, ci sono 33mila disoccupati, moltissimi senzatetto – disse il presule – Per affrontare questo momento di crisi serve coesione, e invece si rischia di andare inutilmente allo scontro”.