I sindacati non godono di buona reputazione. Ogni volta che se ne parla con i cittadini in strada il tema ricorrente è sempre lo stesso: “Non difendono più i diritti dei lavoratori“. Anche perché, aggiunge uno studente universitario, “di diritti da difendere ne sono rimasti ben pochi”. Una bibliotecaria precaria va oltre: “Ho un contratto di trenta giorni, i sindacati non so nemmeno cosa siano”. “Il mondo del lavoro è cambiato, i sindacati non rappresentano i giovani, i precari e le nuove forme di lavoro”, aggiunge un ragazzo in cerca di occupazione. Un pensionato allarga il quadro: “Troppe volte sindacati, politica e impresa sono apparsi conniventi, e ora tutto è stato fagocitato dalla finanza“. Ma un ferroviere avverte, e non è il solo: “La funzione dei sindacati è fondamentale, altrimenti non ci sarà più alcuna possibilità di tutela per i lavoratori”. Un signore dall’aria intellettuale rafforza il concetto: “Stiamo attenti, sono sempre i regimi autoritari che vogliono far fuori i sindacati”. E voi cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti  di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli