Finisce in archivio, perché non sono stati ravvisati estremi di reato, l’inchiesta aperta a Padova dopo le rivelazioni di una donna che sosteneva di essersi rivolta a 23 ospedali del Veneto e delle regioni vicine per riuscire ad abortire. Anzi, l’inchiesta condotta dai carabinieri del Nas ha accertato che la versione della professionista padovana quarantenne, non era completamente veritiera. Così sostiene l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, secondo cui “la notizia era falsa”.

Cerchiamo di ricostruire la vicenda. Alcuni mesi fa la storia della donna era apparsa sul quotidiano “Il Gazzettino” che l’aveva riportata con grande evidenza. Intervistata, la donna aveva raccontato un’autentica odissea fatta di telefonate frenetiche e di una lotta contro il tempo per poter abortire entro i termini previsti dalla legge sull’interruzione della gravidanza. Aveva spiegato che, alla fine, grazie anche alle pressioni della Cgil a cui si era rivolta, l’intervento era stato effettuato proprio a Padova, l’ospedale dove aveva bussato per la prima volta, senza trovare posto. La Procura aveva aperto un’inchiesta, considerando anche il clamore della vicenda e la denuncia della Cgil (che per prima aveva raccolto la testimonianza) secondo cui in molti ospedali del Veneto il numero di medici obiettori di coscienza impedisce una corretta applicazione della legge 194. Non sono però emersi elementi di reato, insomma, l’accusa si è rivelata infondata.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, la donna si rivolse il 15 dicembre 2015 a un consultorio per abortire. Dopo il colloquio era stata dirottata all’Azienda ospedaliera di Padova, per la visita ginecologica che era avvenuta il 23 dicembre, quindi una settimana dopo. In quella occasione era stata fissata la data per l’interruzione volontaria della gravidanza per il 12 gennaio 2016. Era stato a quel punto che la professionista aveva cominciato ad effettuare una serie di telefonate. In totale furono 23 e il numero non si riferiva agli ospedali o alle strutture sanitarie consultate, ma al numero delle chiamate. In totale gli ospedali interessati erano stati una decina. Voleva ridurre i tempi per abortire, questa la conclusione, mentre la data dell’intervento era già stata fissata.

“Era tutto falso – è la dichiarazione dell’assessore regionale alla Sanità, Coletto – la verità svelata dai magistrati è un’altra. La richiesta di prestazione avvenne il 15 dicembre 2015, il 23 dicembre vi fu la visita, il 12 gennaio 2016 fu effettuato l’aborto. Tutto è avvenuto in 28 giorni, abbondantemente entro i limiti di tempo. Altro che odissea. L’odissea l’hanno vissuta operatori e sanitari sbattuti in prima pagina come dei mostri”. L’assessore ha concluso: “La salute è un bene delle persone, non uno strumento della politica del disfattismo. Le bugie hanno la lingua lunghissima, ma per fortuna hanno le gambe corte”.