Il Senato ha bocciato la mozione di sfiducia presentata dal M5S contro il ministro dello Sport Luca Lotti, coinvolto nell’inchiesta Consip con l’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio dai magistrati della procura di Roma e Napoli. I no alla sono stati 161, i sì 52 e due gli astenuti: Luis Alberto Orellana (Aut) e Lorenzo Battista (Aut). Presenti 219, votanti 215. Hanno votato no anche i senatori di Ala (il cui leader Denis Verdini è citato nelle carte dell’inchiesta) e i tre esponenti tosiani di Fare!. La maggioranza era fissata a 108.

“I fatti sono chiari – era stata l’autodifesa dell’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ai tempi in cui Matteo Renzi sedeva a Palazzo Chigi – io non ho mai avvisato Marroni (l’ad di Consip che lo accusa ndr) né nessun altro sull’indagine Consip. Mai. Sostenere il contrario è calunnia. Mi trovo in una posizione molto semplice: questa presunta rivelazione non c’è mai stata. Ho fornito ai magistrati tutta la documentazione del caso: agende, spostamenti”, ha detto Lotti, seduto sui banchi del governo, affollato da quasi tutti i ministri: da Claudio De Vincenti ad Andrea Orlando fino ad Enrico Costa. “Io vorrei che l’accertamento fosse più rapido perché so che né io né miei collaboratori abbiamo fatto niente di scorretto. Io ho interesse alla verità prima di voi. La verità arriva e porta con sé la responsabilità di chi ha mentito per paura o per altri motivi che non tocca a me indagare”, ha aggiunto riferendosi al numero uno della Consip, che ha raccontato ai pm di aver saputo dal ministro – o da qualcuno che fa parte dell’entourage di quest’ultimo – dell’esistenza di un’indagine sulla centrale acquisti della pubblica amministrazione.

Poi ecco gli attacchi agli oppositori: dagli esponenti dei 5 Stelle, che hanno promosso la mozione, agli scissionisti del Pd, che non voteranno la sfiducia – proponendo un proprio atto parlamentare – ma hanno comunque chiesto le sue dimissioni. “A chi oggi sputa sentenze dico: vi aspetto in tribunale. Le sentenze le fanno i giudici non i blog. Chi ha infangato il nome della mia famiglia rinunci all’immunità parlamentare”, ha detto Lotti, riferendosi ai grillini. “Il garantismo ad intermittenza  – ha continuato – di chi un giorno difende i propri sindaci e un altro li scarica è profondamente ingiusto, noi non accettiamo lezioni di moralità da un movimento fondato da un pregiudicato“. Quindi un veloce riferimento anche agli ex compagni di partito: “Chi chiede le mie dimissioni – ha detto – è culturalmente subalterno e politicamente scorretto”. 

“Siete complici della classica storia all’italiana, di mazzette, tangenti: ne abbiamo viste a dozzine da Tangentopoli a oggi”, era stato invece l’incipit dell’intervento della senatrice Paola Taverna, relatrice M5s della sfiducia contro il ministro. Hanno annunciato di votare la mozione anche i senatori della Lega Nord e quelli di Sinistra Italiana, mentre gli esponenti di Democratici e progressisti – cioè gli ex Pd – hanno spiegato che non parteciperanno al voto: hanno infatti presentato una loro mozione e nel frattempo hanno chiesto le dimissioni di Lotti. Al voto non parteciperanno anche 6 senatori del gruppo Autonomie e Misto. Sono Alessandra Bencini (Misto), Francesco Molinari (Misto), Luis Alberto Orellana (Aut), Maurizio Romani (Misto), Dario Stefàno (Misto) e Luciano Uras (Misto)  “Saremo in Aula ad ascoltare il dibattito”, dichiarano. Non voteranno neanche i senatori di Forza Italia che però non usciranno dall’aula. “Trattandosi di una chiama non risponderemo”, ha spiegato Paolo Romani. I conti, quindi, sono praticamente fatti già molto prima dell’inizio della discussione.

ORA PER ORA

Ore 19.15 – Ferrara (Gal): “Lotti stia sereno, non è Cesare”
“Stia sereno il ministro Lotti anche se sono i giorni delle Idi di Marzo. Lui non è Cesare anche se questo sarebbe il posto giusto. Cassio e Bruto, invece, tramano nascosti negli angoli dei vicoli. Lo ha detto il presidente del gruppo Gal Mario Ferrara durante la dichiarazione di voto sulla sfiducia al Ministro per lo Sport Luca Lotti.

Ore 19.09 – Cantini (Pd): “Interventi Mdp come editoriali del Fatto”
Da Gotor e Guerra interventi che sembrano editoriali del Fatto Quotidiano. Se Mdp ha scelto questa linea per sostenere il governo Gentiloni, prevedo qualche problema per la maggioranza”. Lo afferma la senatrice Pd Laura Cantini in merito alla mozione di sfiducia del M5S contro il ministro dello Sport Luca Lotti. “Il ministro Lotti ha inequivocabilmente respinto ogni addebito – ha sottolineato la parlamentare – non può essere sfiduciato in nome di un processo mediatico”.

18.40 – Ex Pd: “Non voteremo mozione”
“Non voteremo la mozione di sfiducia di M5S perché esso vuole associare alla sfiducia verso un ministro quella all’intero Governo”. Lo ha detto nell’aula del Senato la capogruppo di Mdp, Cecilia Guerra, annunciando che i suoi senatori non parteciperanno al voto sulla mozione di sfiducia al ministro Lotti.

18.35 – Lega: “Votiamo sfiducia, ma non conta nulla”
“Votiamo la sfiducia contro Lotti. Ma sappiamo che non conta nulla. Presentare mozioni in questo Parlamento della cadrega è un errore: da domani i giornali diranno che Lotti ha avuto l’appoggio delle Camere e che va tutto bene”. Lo ha detto il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Madama, Gian Marco Centinaio, nella sua dichiarazione di voto nell’Aula del Senato sulla sfiducia al ministro Luca Lotti.

18.07 – Lotti ai senatori: “Respingete mozione”
“Va respinto con forza il tentativo di fare di quest’Aula una gogna mediatica con processi senza alcuno straccio di prova”

18.05 Lotti: “Chi mi insulta rinunci all’immunità parlamentare”
“Chi ha pesantemente insultato me, il buon nome della mia famiglia e delle persone che lavorano con me abbia il coraggio di rinunciare all’immunità e di farsi giudicare”

18.02 – Lotti a M5s: “Movimento fondato da pregiudicato”
Attacchi da parte di Lotti anche al Movimento 5 Stelle. “Il garantismo ad intermittenza di chi un giorno difende i propri sindaci e un altro li scarica è profondamente ingiusta”, ha detto il ministro. “A chi ha presentato la mozione – ha continuato – dico che non accettiamo lezioni di moralità da un movimento fondato da un pregiudicato, che cambia opinioni in base agli equilibri interni. L’Italia ha bisogno di un confronto civile nel merito, non di demagogia”.

18.00 – Lotti: “Scissionisti Pd sono culturalmente subalterni”
Durante il suo intervento il ministro ha attaccato gli ex Pd, indicati come “coloro che chiedono le mie dimissioni” e definiti “culturalmente subalterni e politicamente scorretti”.

17.55 – Lotti: “Le sentenze le fanno i giudici non i blog”
“Vorrei che l’accertamento fosse più rapido perché so che né io né miei collaboratori abbiamo fatto niente di scorretto. A chi oggi sputa sentenze dico: vi aspetto in tribunale. Le sentenze le fanno i giudici non i blog”.

17.52 – Lotti: “Attaccano me per attaccare governo”
E’ in atto un tentativo di colpire me, non perchè sono ministro dello Sport, ma per quello che nel mio piccolo rappresento: cioè lo sforzo riformista di questi anni a cui anche io ho collaborato partendo da Firenze”, ha continuato il ministro nel suo intervento. “E’ fisiologico nutrire dubbi sull’azione di governo- aggiunge- ma ciò deve trovare in Parlamento una critica solida, non può accadere che si cerchi di liquidare quell’esperienza attraverso la strumentalizzazione di un’indagine. Chi piega a fini politici un’indagine fa del male a se stesso”.

17. 50 – Lotti: “Io innocente. Chi dice il contrario mi calunnia”
“I fatti sono chiari: io non ho mai avvisato Marroni né nessun altro sull’indagine Consip. Mai. Sostenere il contrario è calunnia. Mi trovo in una posizione molto semplice: questa presunta rivelazione non c’è mai stata. Ho fornito ai magistrati tutta la documentazione del caso: agende, spostamenti. Io ho interesse alla verità prima di voi. La verità arriva e porta con sé la responsabilità di chi ha mentito per paura o per altri motivi che non tocca a me indagare”. È il primo passaggio dell’intervento di Luca Lotti.

17.37  – D’Anna: “Mozione da 4 soldi”

“Smettiamola con questa vuota ed inutile ipocrisia. La morale da quattro soldi vale quattro soldi. E questa mozione vale ancora meno”. Lo ha detto, in Aula, il senatore di ALA-SC Vincenzo D’Anna, nel suo intervento sulla mozione di sfiducia.

17.25 – Idem: “Tra me e Lotti due pesi e due misure”
“Voterò la fiducia a Luca Lotti, credo ancora nella politica. Ma certamente tra me e lui sono state usati due pesi e due misure”. Così Josefa Idem, senatrice Pd ed ex ministro dello Sport del governo Letta, che si dimise prima che il Palazzo Madama discutesse una mozione di sfiducia nei suoi confronti. “Ricordo ancora che dopo che lasciai il governo, per due giorni, ebbi i camion di Sky fuori casa. Arrivarono perfino a riprendere anche mio figlio. Non credo che ci sia nessuno sotto casa di Lotti. Subii una caccia alle streghe – conclude l’ex campionessa olimpica – che non auguro a nessuno, ma continuo a credere che devono essere i giudici a stabilire la colpevolezza o l’innocenza. E’ tempo di trovare un punto di equilibrio”.

17.10 – Quagliariello: “Non partecipiamo a voto”
“Abbiamo antiche perplessità sull’istituto della mozione di sfiducia individuale, ma questa posizione di principio avrebbe maggiori ragioni a suo sostegno se il comportamento del governo non fosse contraddittorio e francamente incomprensibile”. Lo ha detto Gaetano Quagliariello annunciando in aula la decisione dei senatori di ‘Ideà di non partecipare al voto.

16.40 – Gotor: “Lotti si dimetta”
“Chiediamo anche in una sede parlamentare che il ministro Luca Lotti si dimetta e, nel caso resti al suo posto, chiediamo al presidente Gentiloni di sospendere le deleghe fino al chiarimento della vicenda in cui il ministro è coinvolto”. Lo dice in aula al Senato a nome di Mdp, il senatore Miguel Gotor. Una vicenda che “mette in luce comportamenti clientelari, un rapace chilometro zero del potere”.

16.32 – Ala vota No alla mozione su Lotti
“Non ho particolare simpatia per Lotti né per la maggioranza di governo ma non interessa Lotti nè Renzi nè la maggioranza ma che non venga messo in discussione l’equilibrio dei poteri dello Stato. Io voterei no alla richiesta di sfiducia per chiunque abbia ricevuto un avviso di garanzia. Ed è per questo che noi voteremo contro questa mozione”. Lo dice in aula al Senato Ciro Falanga di Ala annunciando il voto contrario sulla mozione M5S.

16.25 – Lega: “Sistema discustoso”
Quello che emerge dal caso Consip “è un sistema, che avete cercato di costruire e portato avanti con il governo Renzi e state portando avanti con Gentiloni, disgustoso” animato da “brama di potere smisurata” e “familistico”. Lo dice Stefano Candiani della Lega in aula al Senato annunciando il voto a favore della mozione M5S su Luca Lotti.

16.23 – Sinistra italiana vota a favore della mozione
“Abbiamo sperato fino all’ultimo che il ministro Lotti dimostrasse senso di responsabilità politica e presentasse spontaneamente le dimissioni. Così non è stato e in questa condizione Sinistra italiana non può che votare a favore della mozione che chiede le dimissioni del ministro”. Lo afferma la capogruppo di Sinistra italiana al Senato e presidente del gruppo Misto Loredana De Petris.

16.14 – Banco governo quasi al completo: mancano Gentiloni e Lotti
Non ci sono il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, oggi a Pistoia, e la sottosegretaria Maria Elena Boschi. Il banco del governo nell’aula del Senato, mentre è iniziata la discussione generale sulla mozione di sfiducia individuale contro il ministro, Luca Lotti, vede molti ministri: Pier Carlo Padoan, Giulio Poletti, Paola Fedeli, Marianna Madia, Claudio De Vincenti, Andrea Orlando, Roberta Pinotti, Anna Finocchiaro ed Enrico Costa Costa. Assenti anche Marco Minniti e Angelino Alfano.

16.12 – Senatori Idea usciranno dall’aula
I senatori di “Idea” usciranno dall’ Aula di Palazzo Madama al momento del voto sulla mozione di sfiducia contro Luca Lotti. Lo ha annunciato, intervenendo in sede di discussione generale, il senatore Andrea Augello. “Lei – ha detto Augello rivolgendosi al ministro dello Sport – è arrivato in quest’Aula in una posizione di fragilità politica assoluta. Mi auguro di non dovermi mai trovare nella sua posizione”.

16.00 – Taverna cita codice etico M5s, brusii Pd
Primi brusii e proteste nell’aula del Senatoquando Taverna ha affermato che la maggioranza vuol concludere la legislatura per “portare a casa la pensioncina”. Quando Taverna ha sostenuto che M5s applica ai suoi membri il proprio codice etico, è prima partita dal Pd una risata e un applauso ironico, e poi delle proteste.

15.55 – Taverna (M5s): “Dovrebbe cadere il governo”
“C’è un vero e proprio ‘sistema Renzì. Al centro di questa storia c’è Romeo che ha finanziato legalmente un pò tutti, ma il nome di Lotti lo fanno due del Giglio Magico. Vannoni dice che anche Renzi sapeva dell’ inchiesta, ma quando l’inchiesta sta arrivando a Tiziano Renzi tutto va in malora. In un Paese civile tutto basterebbe a far cadere il governo, in Italia invece c’è la più classica manfrina politica”. Lo dice nell’Aula del Senato la senatrice Paola Taverna, presentando la mozione di sfiducia a Lotti.

15.50 – Taverna (M5s): “Lotti attaccato alla poltrona”
Apprendiamo dai giornali che avete già deciso come votare sulla mozione di sfiducia al ministro Lotti, in modo da rimanere incollati alla poltrona. Ma siete complici della classica storia all’italiana, di mazzette, tangenti: ne abbiamo viste a dozzine da Tangentopoli a oggi. Dobbiamo spiegare agli italiani che siamo in ostaggio”. Lo dice Paola Taverna, senatrice del M5s, illustrando nell’Aula del Senato la mozione di sfiducia presentata dal gruppo 5 stelle contro il ministro dello Sport Luca Lotti.(

15.34 – Lotti: “Sono tranquillo”
“Sì, sì, sono tranquillo”. Lo dice il ministro dello Sport Luca Lotti, arrivando in Senato dove tra poco inizia la discussione della mozione di sfiducia nei suoi confronti.

15.25 – Sinistra italiana vota a favore della sfiducia
“Votiamo a favore perchè la vicenda Consip ha riaperto un squarcio sulla questione morale. C’è un’opacità tra l’interesse particolare e l’interesse generale. Non sta al Parlamento discutere dell’inchiesta ma ci sono due figure entrambe di nomina governativa che si contraddicono e non è possibile che il governo difenda entrambi. C’è bisogno di un elemento di chiarezza”. Lo afferma Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana a repubblica.it.(

13.28 – Forza Italia: “Non parteciperemo al voto”
“Non parteciperemo al voto”. Lo dice il capogruppo di Fi in Senato Paolo Romani, al termine di una riunione del gruppo a proposito della posizione che Forza Italia terrà questo pomeriggio in Aula al momento del voto alla mozione di sfiducia al ministro Luca Lotti. A chi gli chiede se dunque gli azzurri usciranno dall’Aula Romani sottolinea che “trattandosi di una chiama non risponderemo. Crediamo – dice – nel principio costituzionale della responsabilità collettiva del governo. Non abbiamo mai creduto alle mozioni di sfiducia individuali”.

11.39 – 6 senatori Misto non partecipano al voto
Non parteciperemo al voto di sfiducia individuale che riguarda il Ministro dello Sport. Saremo in Aula ad ascoltare il dibattito”. Lo hanno dichiarato i senatori Alessandra Bencini (Misto), Francesco Molinari (Misto), Luis Alberto Orellana (Aut), Maurizio Romani (Misto), Dario Stefàno (Misto) e Luciano Uras (Misto)