Dal deficit di autorevolezza del Parlamento che ha riscritto la Costituzione, al bicameralismo confuso che esce dalla riforma voluta dal governo Renzi fino al nodo irrisolto dell’elettività dei senatori. Dieci parlamentari del Pd hanno firmato un documento in sei punti con cui hanno annunciato che voteranno No al referendum costituzionale. Si tratta di esponenti della minoranza dem al Senato (Corsini, Dirindin, Manconi, Micheloni, Mucchetti, Ricchiuti, Tocci) e alla Camera (Bossa, Capodicasa, Monaco). “Chiediamo”, hanno spiegato in una nota, “che il confronto torni ad essere sul merito della riforma abbandonando pregiudiziali posizioni di partito o di schieramento. Vogliamo dar voce a elettori e quadri Pd che non condividono la revisione costituzionale”.

Le motivazioni sono raccolte in sei punti. Sotto accusa: “il deficit di autorevolezza del Parlamento viziato dal Porcellum; il metodo, tutto in capo al governo, su materia genuinamente parlamentare, che ha concorso a un varo della riforma a stretta e ondivaga maggioranza; i mancati obiettivi di semplificazione e di efficienza del sistema istituzionale; la nascita di un bicameralismo confuso, un procedimento legislativo farraginoso, un Senato nel quale si dà una contraddizione tra la sua composizione e le sue alte competenze (in materia costituzionale e internazionale); l’esorbitante ricentralizzazione nel rapporto tra Stato e Regioni; il nodo irrisolto della elettività dei senatori; il sovraccarico politico di cui si è investito il referendum con le sue implicazioni sul profilo del Pd e sul complessivo assetto del sistema politico”.

I firmatari sostengono che la loro iniziativa possa essere “due volte utile” per poter tornare a parlare di contenuti e per poter dare spazio anche a chi nel partito non condivide le posizioni renziane. I firmatari hanno anche detto di essere consapevoli del fatto che la posizione non è quella “ufficiale del Pd”, ma sul tema, ricordano, “non è stata data disciplina di partito”.