Consulmarketing licenzia i lavoratori per riassumerli con meno diritti e meno tutele“. E’ scontro aperto tra l’azienda specializzata nella raccolta di dati per ricerche di mercato, e i sindacati Filcams Cgil e Uiltucs Uil, che hanno proclamato cinque giorni di sciopero, dal 30 maggio al 4 giugno. Nel marzo scorso la società, con sede a Milano ma attiva in tutta Italia, ha aperto le procedure di licenziamento collettivo per 465 dipendenti su un totale di 1.134 addetti. Ma allo stesso tempo ha offerto loro contratti di lavoro autonomo: niente malattia, ferie, Tfr. Da parte sua, l’azienda si difende segnalando le difficoltà legate al mercato in flessione e al calo del fatturato. E precisa di avere avanzato un’altra offerta ai sindacati, proponendo in un secondo momento contratti di lavoro subordinato. Ma le sigle sindacali hanno giudicato questa proposta “provocatoria e inaccettabile” e hanno insistito sulla linea dello sciopero. Intanto la vertenza è approdata al ministero dello Sviluppo economico, dove è stato aperto un tavolo e il 30 maggio le parti si incontrano per cercare un accordo che, al momento, sembra lontano.

Il punto di rottura è arrivato il 22 marzo scorso, con la procedura di licenziamento collettivo aperta dall’azienda. Il provvedimento riguarda 465 dipendenti, tra contratti a tempo indeterminato e a termine, su un totale di 1.134 addetti. Praticamente quattro lavoratori su dieci. Nel documento, Consulmarketing lamenta una situazione economico-finanziaria critica e spiega che i licenziamenti sono l’unica soluzione, affidando le attività all’esterno. “La società – si legge nella procedura – al fine di ridurre gli impatti della presente procedura sul piano sociale, è disponibile a offrire, limitatamente ai dipendenti del settore rilevamenti, dei contratti di lavoro autonomo, nell’ambito del divisato progetto di esternalizzazione di tale attività”.

“I lavoratori hanno già fatto molti sacrifici negli anni passati, i problemi economici derivano anche dalla cattiva gestione dell’azienda – afferma Gianni Duca, rsa Uiltucs Uil – I licenziamenti, con l’offerta di lavoro autonomo, sono solo un espediente per abbassare le tutele dei dipendenti. E’ una forzatura lesiva delle dignità della persona”. Da parte sua, l’azienda spiega che “il mercato è in forte flessione verso il basso e la perdita del fatturato nell’anno 2015 è stata di 1,5 milioni di euro“, un calo che “ha evidenziato la necessità di ridurre i costi fissi non più sostenibili”, in quanto l’aumento del costo del lavoro e dei rimborsi spese è stato del 5% solo nell’ultimo anno.

Consulmarketing, aggiunge la società, “non vuole licenziare, sta cercando di salvare il contratto d’appalto con il committente e i posti di lavoro su tutto il territorio nazionale”. In quest’ottica, in una successiva fase di trattativa, l’azienda “ha proposto in alternativa un contratto autonomo certificato e in seconda ipotesi una proposta di lavoro subordinato che prevede un compenso garantito e una parte variabile incentivante per i collaboratori: tali proposte sono state scartate dai sindacati i quali non hanno nemmeno prospettato ai lavoratori le due possibilità”. Insomma, Consulmarketing precisa di avere offerto anche la possibilità di restare del recinto del lavoro subordinato e mantenere le relative tutele.

“La proposta dell’azienda – replica Duca – fatta anche a seguito di una nostra disponibilità ad modello organizzativo che aumentasse produttività oraria, è stata provocatoria, irricevibile e tecnicamente inaccettabile. Le deroghe al contratto proposte farebbero sì che il compenso mensile garantito, così come proposto, equivalga a 40 ore mensili, per una retribuzione netta di circa 200 euro, uno stipendio base molto basso. E questo renderebbe tutti i lavoratori ricattabili“.

Il sindacato tira in ballo anche la multinazionale delle ricerche di mercato Nielsen, unico cliente della società. “Anche Nielsen, in qualità di unico committente, – conclude Duca – si deve sentire coinvolta in questa situazione e non può e non deve sottrarsi alla responsabilità quantomeno morale sia nei licenziamenti sia dei contratti che l’azienda ha offerto ai lavoratori”. Nella procedura di licenziamento aperta nei confronti dei lavoratori, si legge che “la società (Consulmaketing, ndr) non ha ancora rinnovato il suo contratto con la Nielsen, in scadenza il prossimo novembre 2016, in quanto i termini economici a essa proposti sarebbero, addirittura, ulteriormente al ribasso“. Ma allora perché non cercare altri clienti? “I tentativi della società di reperire valide alternative alle suddette commesse non hanno, al momento, sortito alcun risultato e sono resi ancor più difficoltosi, da un lato, in ragione dell’attuale vincolo di esclusiva previsto dal contratto con la Nielsen e, dall’altro, anche in un’ottica prospettica, dalla presenza, comunque, di un patto di non concorrenza post-contrattuale, accessorio a detto contratto”.