RENZI COME BERLUSCONI: “25 ANNI DI BARBARIE GIUSTIZIALISTA”
Il premier in Senato per la mozione di sfiducia attacca in sintonia con Schifani e Repetti. L’ex presidente Napolitano rincara: “Non dimentico il caso D’Ambrosio”. Di Wanda Marra

L’INTERVISTA – DAVIGO: “MA I POLITICI NON CACCIANO LE MELE MARCE”
Il neopresidente dell’Associazione nazionale magistrati: “Non serve riforma delle intercettazioni. Basta applicare norme su privacy e diffamazione”. Di Marco Travaglio

IL NEGAZIONISTA – L’editoriale di Marco Travaglio
I casi sono due: o Renzi è molto nervoso per qualcosa che noi ancora non sappiamo, ma che lui già sa, dell’inchiesta di Potenza o di qualche altra Procura; oppure non è poi così sereno come vorrebbe far credere dopo il referendum di domenica, forse a causa dei 16 milioni di elettori che hanno votato disobbedendo ai suoi ordini e che potrebbero tornare a farlo per il No alla sua controriforma costituzionale.

I NUMERI 2 DI SERVIZI SEGRETI E POLIZIA E LA CENA CON IL “CLAN” DEI PETROLI
Al circolo della Marina il lobbista Colicchi e il suo sodale Quinto radunano una parterre dell’eccellenza: a tavola anche la senatrice dem Finocchiaro, l’ex vicepresidente di Confindustria Lo Bello e l’ammiraglio De Giorgi. Di Antonio Massari

“RENZI SBAGLIA, IL REFERENDUM PUÒ DIVENTARE UN AUTOGOL”
Il politologo, Piero Ignazi: “Trasformando la consultazione di ottobre in un voto su di sé, il premier ha fatto un favore alle opposizioni. E lo sa”. Di Luca De Carolis

UNIONI CIVILI, C’È CHI VOTA SÌ ANCHE SE “MI FANNO SCHIFO”
Del Basso De Caro appoggia il governo, ma dalle intercettazioni non pare convinto. L’audio: “Mi sono sempre piaciute le femmine”. Di Valeria Pacelli

DAL POLITICO AL TRAFFICANTE: FELICI E LATITANTI A DUBAI
In attesa che l’accordo sull’estrazione entri in vigore, la città araba è la meta più gettonata da chi scappa dalla legge italiana. Di Rita Di Giovacchino

IL PAPA CHIEDE PERDONO PER L’EUROPA. A IDOMENI PROFUGHI IN FILA PER IL PANE
Francesco: “I migranti sono un dono”. Oltre sette mila richiedenti asilo bloccati dalle procedure sulle isole greche. Di Michela A. G. Iaccarino, da Idomeni (confine greco-macedone)

OBAMA, L’11 SETTEMBRE E IL RAMPOLLO SGOMITANTE DEGLI INFIDI ALLEATI
Il presidente in visita in Arabia Saudita con la grana del documento segreto che accusa Ryad. Di Giampiero Gramaglia

L’INSERTO – IL FATTO ECONOMICO

– DISASTRO DI MPS: J’ACCUSE DI VISCO ALLE AMNESIE DI DRAGHI
Bankitalia è sotto accusa per Pop Vicenza ed Etruria & C., e il governatore passa la contrattacco: “Mi presi io il rischio di cacciare Vigni e Mussari” appena nominato. Pasticcio sofferenze. Di Carlo Di Foggia

– I PRIMI EFFETTI DEL BAZOOKA DI DRAGHI: IL DEBITO PUBBLICO TORNA IN MANO AGLI STATI
Col Quantitative easing scappano i privati (meno 72 miliardi), sostituiti da Bce (70 miliardi di titoli italiani fino a fine 2015) e Bankitalia (172 miliardi). Ripartiranno investimenti e consumi? Di Franco Mostacci

– COMPRATI E ABBANDONATI: LA FINE DEGLI SCALI DEL NORDEST
Il gestore dell’aeroporto di Venezia prese per pochi soldi i concorrenti Brescia e Verona senza gara: ha spostato i passeggeri e lasciato deperire le strutture. Per Delrio va bene. Di Daniele Martini

– DEBENEDETTI O I MITI RUDUMENTALI DELL’INESISTENTE UOMO ECONOMICO
L’83enne Franco, fratello dell’Ingegnere, scrive un libro contro “l’insana idea politica indistriale”: un pamphlet tanto leggibile, quanto incredibilmente ideologico. Di Giorgio Meletti

“QUESTO CONCORSO È UN CIRCO”: STORIE DI DOCENTI E PRECARI
La Buona Scuola, tra conflitti di interesse, ritardi e imprecisioni. Di Virginia Della Sala

SHAKESPEARE, IL MIGLIOR ANTIDOTO ALLA CAMORRA
Il nuovo libro di Sasà Striano. Di Enrico Fierro

DI FELTRO E A FALDE LARGHE, BASTA CHE SIA BORSALINO
Un documentario omaggia uno dei nomi più conosciuti al mondo. Come potersi immaginare un Humphrey Bogart a capo scoperto? Di Federico Pontiggia

LA POLITICA È L’ARTE DEL POSSIBILE, QUINDI OSIAMO L’IMPOSSIBILE
Il senso di responsabilità di Stig Dagerman nei testi del sindacalista anarchico svedese che si è suicidato nel 1954 a soli 31 anni. Di Stefano Feltri