Prima fa ironia: “Non posso andare fuori anch’io?”. Poi ne approfitta per attaccare: “Ho preso sul serio le critiche delle opposizioni che son scappate di fronte alla possibilità di entrare nel merito”. Infine il presidente del Consiglio Matteo Renzi – che in Aula parla solo alla sua maggioranza – usa l’Aventino delle opposizioni per mettere in evidenza la “bontà” delle riforme costituzionali che Montecitorio voterà entro mercoledì. “Dicono che legge elettorale e riforma consegnano le istituzioni a una sola forza politica – dice il capo del governo – Ma la realtà è diversa perché questa riforma non mette in discussione tutte le maggioranze qualificate che restano o vengono rafforzate, come quella per eleggere il presidente della Repubblica”. Renzi cita la “democrazia decidente” di Piero Calamandrei. Ci saranno “governi che durano 5 anni e consentono alle opposizioni di non fare teatrini e sceneggiate ma prepararsi a tornare al governo, sempre che ne siano capaci”. 

Cinquestelle, Forza ItaliaLega Nord e Sinistra Italiana sono uscite dall’Aula della Camera al momento della replica di Renzi nella discussione generale che anticipa il voto finale delle riforme costituzionali. Dopo il voto sarà fissato il referendum confermativo ad ottobre. “Mi spiace per loro se non ci sono” ha detto Renzi, spiegando di voler entrare nel merito del testo. “Ma non posso andare fuori anche io?”, ha poi ironizzato.

Il discorso alla Camera semi-vuota è un insieme di 25 punti che il presidente del Consiglio ha già ripetuto in questi mesi e sono le repliche alle contestazioni dei partiti d’opposizione. Quello che è invece sempre più evidente è lo scontro tra maggioranza e opposizioni, un rapporto che in questa legislatura non è mai stato di grande cortesia, ma che ora sembra raggiungere un livello ulteriore. “Dicono ‘andiamo fuori dal Parlamento’ per mandare a casa il governo. Ma quando si andrà a votare tanti di loro resteranno fuori dal Parlamento e non credo sarà un problema per la stragrande maggioranza degli elettori”. Anzi, “chi usa l’argomento ‘caro presidente del consiglio chi ti ha eletto?’ non si rende conto che il presidente del Consiglio non è eletto dai cittadini ma gode di un rapporto di fiducia con il Parlamento”. Insomma, commenta sarcastico, “il mio intervento poteva essere ‘maddeche’. E rimettermi a sedere”.

Renzi cita Dossetti, Meuccio Ruini, Terracini. Rivendica la volontà di confronto, la necessità del rinnovamento della Carta. “Si è lavorato in modo molto significativo – spiega Renzi – Ci sono state 173 sedute al 7 di aprile, 170 nell’Assemblea costituente. Sono stati presentati 83 milioni e 322.708 emendamenti. Ora dico: in questo passaggio la strumentalizzazione è venuta da chi è pronto al dibattito in tutte le sedi e forme o da chi ha portato 83 milioni di emendamenti con unico obiettivo di non discutere nel merito punti di convergenza?”.

Quasi tutti i deputati della maggioranza si sono alzati in piedi applaudendo alla fine dell’intervento di Renzi. Non lo hanno invece fatto i due leader della minoranza interna del Pd, Roberto Speranza e Gianni Cuperlo che invece in un paio di passaggi (sui presidenti Napolitano e Mattarella) hanno applaudito il discorso di Renzi assieme agli altri parlamentari.

Per l’ex presidente della Repubblica quello di Renzi è un omaggio: “C’è un senatore a cui dobbiamo tutto – dice il capo dell’esecutivo – Non è qui oggi ma senza di lui tutto questo passaggio non sarebbe stato possibile: è Giorgio Napolitano“. “E’ stato il senatore a vita Napolitano, in un intervento che fu applaudito anche da una parte di coloro i quali non sono qua, nell’aprile 2013 a usare parole sferzanti ma cariche di verità nei confronti della classe politica. A sfidare voi parlamentari a fare di questa legislatura la legislatura delle riforme. A dare una opportunità anche a costo di un sacrificio personale”.

Renzi rivendica che a questo giro, “per la prima volta la classe politica mostra il meglio di se stessa. Riforma se stessa e non altrettanto hanno fatto altre parti della classe dirigente di questo Paese. Perciò la politica dà una grandissima lezione di dignità al resto della classe dirigente di questo Paese. La politica si dimostra in grado di far vedere la pagina più bella quando sfidata. Sono qui per rendervi omaggio e gratitudine: date una lezione a tanti”. Un risultato di cui “la storia parlamentare parlerà a lungo”.

Una cosa che certamente Renzi ribadisce per l’ennesima volta è che si dimetterà in caso di sconfitta al referendum confermativo di ottobre. “La nascita di questo governo – ricorda – è dovuta al fatto che l’esecutivo precedente si trovava in una condizione di stagnazione, è stata subordinata all’impegno preso a realizzare una serie di riforme, che possono piacere o meno. Nel momento in cui su quella più importante non vi fosse il consenso è principio di serietà politica trarne le conseguenze”. Al referendum “basta vincere”, non importa con quale percentuale: “Mi gioco tutto”. Sarà così.