Paolo Becchi mi ha fatto vedere il vero programma M5S. Il reddito di cittadinanza lo finanzieranno con la tassa di successione”. Silvio Berlusconi ha incontrato i parlamentari di Forza Italia e ha annunciato di aver avuto contatti con il professore di Genova e in passato considerato ideologo grillino (ha cancellato la sua iscrizione dal Movimento nei giorni scorsi). Proprio lui gli avrebbe mostrato il “vero piano dei 5 Stelle”: “Ho scoperto, per esempio, che il reddito minimo di cittadinanza pensano di finanziarlo con la tassa di successione: 50 percento dei beni ereditati va agli eredi, 50 allo Stato. Poi dobbiamo trovare persone capaci e geniali per sviluppare l’uso della rete”.

La preoccupazione di Berlusconi sono però le prossime elezioni: “Imperativo è battere i 5 Stelle”. E ha poi attaccato il presidente del Consiglio: “Renzi è un clandestino in Parlamento”, ha detto, “un presidente illegittimo che non dovrebbe essere ascoltato. Le previsioni dei sondaggi sono che il Pd vada a diminuire ulteriormente anziché riprendersi. Se Pd e M5s si trovassero al ballottaggio, vincerebbero questi ultimi. Per questo il centrodestra ha l’obbligo di diventare protagonista alle prossime elezioni: uniti siamo in vantaggio ma avremmo difficoltà al ballottaggio”. L’ex Cavaliere ha anche detto che con la sua discesa in campo si possono risollevare i sondaggi: “Con me in campo, invece, possiamo superare il 42 per cento e vincere al primo turno. Senza Berlusconi, invece, Fi calerebbe ancora e saremmo esclusi dalla contesa. Da qui con mia disperazione l’imperativo categorico di restare in campo”.

Il leader di Forza Italia ha infine annunciato che il partito voterà contro il ddl Unioni civili in discussione al Senato: “Oggi siamo qua per confrontarci sul ddl Cirinnà. Inutile dire che una cosa sono le unioni civili – alle quali siamo favorevoli e per le quali abbiamo anche presentato una proposta di legge – altra le previsioni del progetto di legge Cirinna'”.