“I politici hanno sempre giustificato le retribuzioni molto vantaggiose che si sono dati”, con motivazioni che, analizzate, “non reggono. E reggono ancora meno i vitalizi che si concedono e che sono in gran parte slegati dai contributi da loro versati. Anche su questo faremo una operazione di trasparenza“. Lo ha promesso il presidente dell’Inps Tito Boeri intervistato davanti alle telecamere di DiMartedì. “Sento spesso parlare di diritti acquisiti, ma uno acquisisce il diritto ad avere una pensione versando i contributi durante tutta la vita lavorativa. Se ci sono persone che hanno versato pochi contributi e poi hanno pensioni altissime, non li chiamerei diritti acquisiti“, aveva detto poco prima ribadendo che quello di avere “pensioni molto più alte dei contributi versati” è un sistema “insostenibile” e che andrebbero “riallineate le pensioni alte ai contributi versati”. 

Una posizione che troverà sicuramente una sponda nel presidente del Consiglio, Matteo Renzi. “Sui vitalizi la considero una battaglia sacrosanta che si scontra con il principio del diritto acquisito. Per il momento abbiamo bloccato la parte nostra, io il vitalizio non ce l’ho, quelli che abbiamo mandato a casa ne hanno tre o quattro, si fa quel che si può. Credo che Richetti abbia comunicato che insisterà su questo punto. Se questa cosa passerà il vaglio delle varie istituzioni italiane lo vedremo”, è stato il messaggio del premier dal salotto di Porta a Porta. “Bisogna avere il coraggio di dire che qualcuno deve fare qualche sacrificio in più. Questa storia dei vitalizi è insopportabile”, ha aggiunto. “Sul punto specifico dei vitalizi sono d’accordo da tempo con la posizione di Richetti e del direttore Belpietro: penso che sia inaccettabile il parlamentare che ha fatto il consigliere regionale o l’impiegato pubblico o privato e di vitalizi se ne prende tre”.

Domenica 17 il deputato renziano che da consigliere dell’Emilia Romagna era stato tra i protagonisti di una battaglia (vinta) per l’abolizione dei vitalizi, era tornato all’attacco delle “pensioni” dei politici dalle colonne di Libero sottolineando la “scandalosa disparità” di trattamento con i versamenti “che rimangono fermi, mentre l’erogazione continua e perciò quella forbice è destinata ad allargarsi”. E annunciando un’iniziativa legislativa per l’abolizione dei vitalizi a livello nazionale: “Io ci sto già lavorando: ho chiesto un approfondimento ai tecnici della Camera per costruire una norma a prova di Costituzione e proporrò nelle prossime settimane un provvedimento che metta fine a questa ingiustizia. A chi ha versato viene restituito quanto ha dato e basta. Stiamo parlando di assegni di 800, 900, 1000 euro, non di 8mila euro”. E ancora: “Il problema non è tagliare i vitalizi, si tratta di riportare tutto a una logica contributiva, compresi i parlamentari in carica che hanno tre legislature alle spalle e che, al compimento del 60esimo o 63esimo anno di età, entrano in questa spirale viziosa per i cittadini, virtuosa per loro. Bisogna fare un provvedimento erga omnes. Questo abbatterebbe immediatamente un costo molto alto nel bilancio del Parlamento”.

Scelta Civica dal canto suo fa notare che “tre mesi fa il Pd ha votato contro gli emendamenti costituzionali presentati da Scelta Civica per garantire che interventi retroattivi sui vitalizi non vengano poi considerati incostituzionali a tutto vantaggio di chi fa ricorso” e ne chiede conto al premier. Il riferimento proposto dal deputato Andrea Mazziotti bocciato dalla Camera a gennaio con 366 voti contrari. Il testo avrebbe consentito di intervenire, con effetto retroattivo, per rideterminare secondo criteri di equità anche l’assegno pensionistico degli ex parlamentari, compresi quindi quelli che già percepiscono il vitalizio. Favorevoli, oltre ai montiani, soltanto il Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia, per un totale di 98 voti.

La spesa complessiva per i vitalizi tra Camera e Senato ammonta a ben 236 milioni di euro l’anno e la lista dei beneficiari accanto a politici di professione come Massimo D’Alema (5.674 euro al mese), Walter Veltroni (5.668 euro), Gianfranco Fini (6.029 euro), Claudio Scajola  (4.927 euro), include rappresentanti della società civile e delle categorie professionali come gli avvocati Gaetano Pecorella (4.372 euro) e Carlo Taormina (2.150 euro); sindacalisti come Pierre Carniti (2.381 euro) e Giorgio Benvenuto (4.581 euro); giornalisti come Rossana Rossanda (2.124 euro) ed Eugenio Scalfari (2.270 euro); magistrati come Giuseppe Ayala (5.692 euro), i registi alla Franco Zeffirelli (3.408 euro), i critici d’arte come Vittorio Sgarbi (5.007 euro) e imprenditori come Vittorio Cecchi Gori (3.408 euro), Luciano Benetton (2.381 euro) e Santo Versace (1.589 euro). Da pochissimo esclusi, salvo ripensamenti o ricorsi in nome dei diritti acquisiti,deputati e senatori con condanna superiore a due anni per mafia, terrorismo e reati contro la pubblica amministrazione ai quali il 7 maggio gli Uffici di Presidenza di Camera e Senato hanno annullato il vitalizio.