migliaccioLa notizia corre veloce di bacheca in bacheca. È un vociare, un commentare, un incitare. È in fibrillazione il popolo dei fans di Raffaele Migliaccio in arte “Raffaello”, neomelodico partenopeo di grido, finito in manette per istigazione alla corruzione, denunciato per minacce a pubblico ufficiale e segnalato per possesso di droga.

“Te ne hanno dette di tutti i colori, e quante cose ancora ti diranno.. ma Tu non ascoltare nessuno e vai sempre avanti per la tua strada.. noi siamo con te. La gente ti giudica per uno sbaglio commesso, errare e umano.. le difficoltà si superano. Ti rialzerai più forte che mai.. e kiakkiere se port o vient ma a Raffaello ce lo teniamo noi nelle piazze, nei matrimoni, comunioni ma sopratutto nel nostro cuore. Sei grandeeeeee idoloooooo”. E poi : “Tieni duro cucciolo mio passerà anche questo… sei sempre più forte ti voglio troppo bene vita mia…GUERRIERO aspettiamo te”. E ancora: “Vedi un p0′ ci sono una massa di politici che corrompono dalla mattina alla sera e non gli succede niente…Poi alla gente comune tutt stu poco…Suuuuu Raffaello sei un grande….”. Un’altra scrive: “Nn ho parole fratellino già mi manchi tanto spero solo che sia solo una questione di giorni”. Un’amica: “Ti sosterrò in qualunque cosa tu faccia sia giusta o sbagliata, Sempre con te Raff”. Poi la sfuriata di una fans: “State parlando e sparlando, gente e giornalisti, ora lo giudicate per un piccolo errore quando poi lo vedete per strada chiedete foto e autografi.” Affettuosamente, invece, una conoscente lo rassicura: “Ma che combini testa pazzaaaa. Vabbe tutti siamo con te. Non ti preocke tanto fra poko stai già fuori”. E ancora: “Amore sii forte nn ti preoccupare tutto passa tu sei un guerriero e anche se a volte sbagli ti sosterrò sempre qualsiasi cosa faccia giusta o sbagliata”.

L’autore e interprete di grandi “successi” – come Sarà per sempre, Ti manca lui oppure Ropp fatt ammor – è stato fermato, mentre si trovava a bordo del suo Mercedes con la fidanzata ed un amico nel cuore della notte in via Stadera, nel quartiere Poggioreale a Napoli, da una volante per un controllo dopo aver commesso alcune infrazioni al codice della strada.

Raffaello “confidenzialmente” si è rivolto ai poliziotti e ha chiesto di “chiudere un occhio”, di farlo andare via. L’artista o supposto tale alle divise avrebbe detto “Sono un famoso cantante, sono pieno di soldi, quando avete bisogno sono a disposizione ecco 400 euro”. Gli agenti lo hanno arrestato con l’accusa di istigazione alla corruzione e condotto presso gli uffici della Questura.

Raffaello non contento e notoriamente di carattere esuberante ha tentato di picchiare un poliziotto gridandogli “togliti la divisa ed esci fuori”. Motivo quest’ultimo che alle imputazioni gli ha fatto aggiungere una denuncia per minacce a pubblico ufficiale. E non finisce qui. Durante la perquisizione del Mercedes gli agenti hanno rinvenuto una dose di hashish segnalando Raffaello in Prefettura.

E pensare che il neomelodico un po’ bamboccione è artista di sentimenti. Le sue canzoni parlano in tutte le salse dell’amore e sono accompagnate da video clip dove Raffaello – un po’ pacchiano- ne è anche interprete. Sarà per sempre è un brano cult, viaggia sulle 45.218 visualizzazioni e un fans nei commenti lo consacra : “ed un vero artista qui non ce da parlare ed io sono un master ed io posso qualificare questo grande artista”. Senza parole. Poi c’è Ropp fatt ammor con 253.922 visualizzazioni mentre in assoluto il pezzo più gettonato di Raffaello è Ti manca lui con mezzo milione di visualizzazioni.

Pur amandolo il suo pubblico non risparmia però le critiche : “questo video non centra niente con la canzone, e poi raffaè fai tropp moss” e un altro : “RAFFAè MIETT NU POK A DIET”. La chicca è Colpa mia colpa tua, brano in esclusiva mondiale dove si vede un Raffaello impegnato con il pianoforte, lui che non sa suonare.

Un fan se ne accorge e commenta: “Ahahahahhahaha da notare come fa finta di suonare il pianoforte!…. po ja esclusiva mondiale ahahahhagaha raffè ma ki t cac!”. Affollati sono anche i concerti nei ristoranti  ed i live in giro per i comuni  dell’hinterland di Napoli.

Ora Raffaello avrà il tempo e l’ispirazione diretta per comporre qualche canzone sul carcere come già in passato hanno fatto molti suoi colleghi neomelodici.