Bobbi Kristina Brown, la figlia di Whitney Houston, è stata ritrovata senza sensi sabato 31 gennaio presso la sua abitazione a Roswell, a circa 25 miglia da Atlanta, in Georgia.

La 21enne era immersa nella vasca da bagno, proprio come venne ritrovato il corpo della madre, morta a nel febbraio del 2012 a Beverly Hills, in California.

Ad avvertire i medici è stato il marito, Nick Gordon, che ha cercato di rianimarla. Trasportata al North Fulton Hospital, è stata attaccata a un respiratore e si trova in coma farmacologico. Secondo quanto riporta il sito Tmz, a causa della carenza di ossigeno, le sue funzioni cerebrali sono notevolmente ridotte.

Il padre della ragazza, il cantante e produttore Bobbi Brown, ha fatto sapere che non verranno divulgati a breve bollettini medici. “La privacy è d’obbligo in questa vicenda”, ha detto a E! News. A Sky News, uno dei suoi cugini ha fatto sapere che “la famiglia prega” affinché le condizioni della giovane possano migliorare presto. Alcuni media americani sottolineano come Bobbi Christina fosse particolarmente “ossessionata” dal terzo anniversario della morte della madre, “molto di più rispetto ai due anni precedenti”.